Angolo della poesia dialettale lucerina: “‘A TRIPPE” di Costantino Catapano


Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.

Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

Qui di seguito, la poesia

trippa-fiorentina-02”  ‘A TRIPPE” di Costantino Catapano
A trippe, cchè cosa belle, pare a reggine d’a furnacelle, quanne da pegnate l’àje cacciate, te n’addune c’a cucine ha sbruvegnate.
Se conze che dduje pemmedurille e na ciampatèlle de diavelille; t’a magne, de core-de core, senza penzà ca pò, te duske, quanne vaje a llà.
S’adda pagà u dazeje, nen ce stà cchè ffà; ma, a trippe èja saprite e se fà magnà.

TRADUZIONE LA TRIPPA (LO STOMACO BOVINO)
La trippa, è una cosa bella, sembra la regina della cucina, quando dal tegame l’hai tolta, ti accorgi che si è ridotta.
Si condisce con due pomodorini e un pizzico di peperoncino;
te la mangi avidamente, senza pensare che poi ti brucia, quando vai in bagno.
Si deve pagare il dazio, non si può evitare;
ma la trippa è saporita e si fa mangiare.

COMMENTO
Un quadretto che è un inno a un piatto popolare di altri tempi. Oggi un piatto solo per gli appassionati. La poesia di Costantino Catapano, com’è nel suo stile, è fatta di frasi chiare che sembrano pennellate.

 

Una Rubrica di
Lino Montanaro & Lino Zicca

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento