Angolo della poesia dialettale lucerina: “‘A GRASSCE” di Lella Chiarella


Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.
Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

Qui di seguito, la poesia “‘A GRASSCE” di Lella Chiarella.

Eh, nuje…. Pe ‘na pupe de cartone,
accattate, a Madonne, e bangarèlle;
pe nu cavalluzze, ‘na seggiulèlle
de pupe, lè…. avèmma fà u canone…
Nne ddurmèmm’a notte. P’avé ‘sti rrejale,
sarrèmme jute pure dind’u puzze…..
E si putèmme strénge ‘na nacuzze,
ce ne ‘nghianamme ‘ngile sènza scale!
Sti crejature, mo, sò carna fetènde:
i mettisse tutt’u negozzeje annanze,
sckitte sgrìgnene, ‘nfanne maje prejèzze.
Quell’è ‘a grassce, ‘a grassce nn’i fà resènde.
E’ vist’u ppurche? Quann’è sazeje, scanze
e vott’u tenille: i pare sckefèzze!

TRADUZIONE: LA GRANDE ABBONDANZA

Eh, noi … per una bambola di cartapesta,
acquistata alla festa della Madonna, sulle bancarelle;
per un cavalluccio, una sediolina
per bambole, sì … dovevamo fare penitenza …
Non dormivamo la notte. Per avere questi regali,
ci saremmo buttati anche nel pozzo …
e se potevamo stringere una culletta,
salivamo il cielo senza scala!
I bambini, ora, sono viziati:
se  a loro mettessi davanti tutto il negozio,
solo fastidio mostrano, non provano gioia.
La colpa è dell’abbondanza, un’abbondanza che toglie loro interesse …
Hai visto il maiale? Quando è sazio, non si avvicina
e allontana da se la tinozza: gli sembra una sozzeria.

COMMENTO:

Lella Chiarella, che ha partecipato a molti concorsi e vinto numerosi premi, ha scritto poesie in italiano e poesie in vernacolo lucerino, che nascono da un forte legame con la propria terra di origine e dalla facilità d’uso del dialetto come mezzo linguistico. In questa poesia, con stile snello e scrittura forte, evidenzia, parlando dei bambini di un tempo, come l’abbondanza stia nuocendo alla serenità e alla felicità dei bambini figli della società consumistica.

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento