Angolo della poesia dialettale lucerina: “DON ARRÍCHE” di Raffaele Montanaro


Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.

Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

enrico vendittiQui di seguito, la poesia “DON ARRÍCHE“, poesia di Raffaele Montanaro.

I vére galandúmene sò fenúte sópe a ‘stu múnne sperdúte.
Apperò quacchèvúne angóre c’è stà cámbe e scrive in umeltà
Nu galandóme de stámbe ndeche che pe tutt’éje Don Arríche.
U pujète d’a parláta nostre che tánde puusíje à mìsse in mostre.
Pe arrecurdà a ggiúvene e vícchje u passáte de sta Nucére nostre scurdáte.
Che tand’anne arréte e storeje bbèlle de Bonghe, Favecjúle e Ciacianelle.
Putév’èsse nu gránne persunágge ma nn’avète u curágge de lassà Nucére e Sanda Maríje e truuvà nóre e gloreje p’ata víje.


TRADUZIONE: A DON ENRICO

I veri galantuomini sono finiti in questo mondo smarrito.
Però qualcuno ancora c’è vive e scrive in umiltà.
Un galantuomo di stampo antico che per tutti è Don Enrico.
Il poeta della nostra parlata che tante poesie ha pubblicato.
Per ricordare a giovani e vecchi il passato di questa Lucera nostra dimenticato.
Di tanti anni passati e di storie belle di Bonghi, Favecjúle e Ciacianèlle.
Poteva diventare un grande personaggio ma non ha avuto il coraggio di lasciare Lucera e Santa Maria e cercare onore e gloria per altra via.

COMMENTO
Raffaele Montanaro, con pochi versi chiari e incisivi, ha tratteggiato la figura del poeta lucerino Enrico Venditti. Questa poesia riconosce a Venditti non solo le sue capacità di scrivere in dialetto di Lucera, dei suoi personaggi e dei suoi costumi, ma di essere un galantuomo profondamente legato alla sua terra, che non ha mai voluto abbandonare.

Una rubrica di Lino Montanaro e Lino Zicca

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento