Angolo della poesia dialettale lucerina: “CASA MIJE” di Lella Chiarella


Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.

Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

casettaQui di seguito, la poesia “CASA MIJE“, poesia di Lella Chiarella

Tutte quante ce capèmme, case de doje cammarèlle, cucine e ‘na luggètte.
Pe mmè éve mègghje de ‘na regge, e cussì, ogne vote ca vènghe.
E’ tale e quale ‘a fenestrèlle, cu stèsse cile e i stèlle.
Derembètte, cum’e ttè, tand’ati case; sule ‘na lenguzze de strade ve separe.
Bbasce, u curtigghje d’i schernuzze stace pure me ne jéve a mattije pe quillu ppicc’e stute.
Mo’ è cagnate sule ‘a ggènde, ma sti mure ca parene mupe, si vune ci’addummànne, ‘a storeja mije ‘a sanne.
Tanne ére timbe de guèrre, s’accattave c’a tèssere;
si se fenèvene i tagliande, cèrte vote ne ‘nze magnave manghe, ma se studiave u stèsse tutte a notte c’a lùcia dèbbele d’u cerogene.
Po, lundane da tè me ne jéje andò me purtaje u destine.
De case n’agghje abbetate Pe mmè tu si ‘a cchjù care, tu chè anzime a u passate ‘a mamme e papà me daje.

TRADUZIONE “CASA MIA”
Tutti quanti ci stavamo in quella casa di due piccole stanze, con cucina e un terrazzino .
Per me era meglio di una reggia, ed è così , ogni volta che ritorno.
E’ rimasta uguale la finestrella, con lo stesso cielo e le stelle.
Dirimpetto, come te, tante altre case; solamente una piccola lingua di strada vi separa.
Da basso, il cortile delle lucciole sta pure: andavo matta per quell’accendere e spegnere.
Ora sono cambiate solo le persone, ma queste mura che sembrano mute , se qualcuno lo chiede , la conoscono la mia storia.
Allora era tempo di guerra, si comprava con la tessera annonaria;
se finivano i tagliandi, certe volte non si mangiava neanche, ma si studiava lo stesso tutta la notte con la fievole luce di una candela.
Poi, lontana da te me ne andai dove mi portò il destino.
Di case ne ho abitato per me sei la più cara, tu che insieme al passato mia madre e mio padre mi ricordi .

COMMENTO
Lella Chiarella, con parole struggenti e stile sobrio, ci consegna una bella poesia. Una pagina ricca di nostalgia dove si mescolano con sapienza l’amore per la casa della fanciullezza, i ricordi di sere d’estate illuminate dal lucciolio, la fame patita da molte famiglie negli anni della guerra e le ore di studio al lume di candela. Nel finale, la poesia vibra del rammarico dell’autrice per aver abbandonato Lucera, un dispiacere che è reso sottile dal ricordo che in quella casa ha vissuto felicemente con i suoi genitori.

Una rubrica di Lino Montanaro e Lino Zicca

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento