Antichi Indovinelli Lucerini


Lino MontanaroOgni dialetto possiede la capacità di esprimere idee e riprodurre un mondo in pochi tratti.
A tal proposito, ciò che ci permette di apprezzare la nobiltà del vernacolo è rappresentato da quei frammenti di antica saggezza quali sono i numerosi proverbi, i detti popolari, i giochi, i canti e le filastrocche, trasmessi oralmente di generazione in generazione.

Fanno parte di questa tradizione anche gli indovinelli, di cui ogni cultura è ricca, che esprimono la saggezza, l’animo e l’allegria dei nostri antenati, trovando fonte d’ispirazione nella realtà circostante, quali gli animali, le piante, le cose ecc.

Dal tempo dei tempi l’uomo si è sempre divertito a mettere in difficoltà parenti o amici, proponendo enigmi, quesiti, problemi o indovinelli da risolvere. Indovinare significa rispondere ad un quesito, pratica antica quanto il mondo; e l’indovinello ha costituito il prototipo dei giochi in versi della enigmistica classica.

L’indovinello ha una composizione che descrive in maniera vaga mediante allusioni, metafore e doppi sensi il quesito, mentre la risposta reale è coperta da una o più risposte apparenti.

Esso è costituito da una formula d’inizio e da una breve strofetta da cui si ricava l’impressione che tra il quesito e la soluzione ci sia sempre una finzione scherzosa ed un’ironica ruota di infinite possibilità di risposte. Tanti anni fa, quando non c’erano molti divertimenti e svaghi e la televisione era ancora lungi da venire, raccontare indovinelli era un modo simpatico d’intrattenersi e di trascorrere qualche ora in allegria.

Soprattutto nelle lunghe serate d’inverno, le famiglie si raccoglievano dopo cena e si intrattenevano a parlare del più e del meno, dei simpatici “tagghja tagghje”, o a riesumare vecchi fatti del passato o vicende di guerra. Recitare indovinelli era anche un modo intelligente di intrattenersi; alcuni indovinelli erano veramente innocenti, altri abbastanza pepati, ma in realtà non erano licenziosi, in quanto la risposta era sempre qualcosa di diverso da quella che l’ascoltatore si aspettava.

Essi nascondevano, a volte, umoristicamente qualcosa di proibito, che quasi mai era condito di volgarità, per cui potevano sempre essere declamati anche di fronte a bambini, che si divertivano più dei grandi.

Era importante presentarlo con abilità recitativa tale da ottenere la più efficace presa sull’uditorio, prima di stupirlo con una soluzione ben lungi da quanto immaginato al momento della sua presentazione. Più acuto, furbesco, zeppo di sottintesi ammiccanti era l’indovinello, più sicuro e travolgente era il successo, che esplodeva nel momento finale con il consenso, la soddisfazione ed il divertimento di tutti Purtroppo questa ricca messe di momenti culturali e comportamentali dei nostri antenati è in via di graduale dissolvimento, è una identità culturale quasi completamente dimenticata dalle nuove generazioni.

Di seguito riporto i primi dieci di questi indovinelli, molto vicini alla nostra tradizione popolare.

 

INDOVINELLI IN VERNACOLO LUCERINO

1 – VOLE E SONE SUNATÓRE, FFÀ SALASSE E NEN’ÉJE DOTTÓRE, GGIRA GGIRE E NEN’ÉJE MULÍNE, VÉVE RUSSCE E NEN VVÉVE VINE ;

2 – NASSCE CANDANNE AMMIZZE ‘A DOJE’ MUNDAGNE ;

3- LASSE ‘A MBRONDE MA NEN CAMÍNE ;

4 – ‘U JÚRNE CAMÍNE, CAMÍNE, ‘A NOTTE SSTACE C’A VOCCHE APÈRTE ;

5 – CHJÙ A TÍRE, CCHJÙ S’ACCORCE ;

6 – NEN TÈNE ‘U PRUDITE MA SE GRATTE ;

7 – NENN’EJE LLORGE E SONE, NEN N’ÈJE RRÈ E PORTE ‘A CHERÒNE!

8 – MURTE TE TINGE E VVIVE TE COCE ;

9 – ‘U CATTE BUCÀTE, MA NENN’ÉJE DEFETTÀTE ;

10 – CHI ÉJE PE NÚJE ‘A MAMME D’U FRATE D’A FIGGHJE D’U S ÚGRE NUSTRE?

11. MASCÚLE E MASCÚLE ‘A PONNE FFÀ, MASCÚLE E FÈMMENE PURE, MA FÈMMENE E FÈMMENE NA PONNE FFÀ.

12. SONGHE PICCENÍNNE E QUADRATE E PRIME CHE PARTE VOGGHJE ESSE BACIATE

13. ÉJE TONNE E NN’ÉJE ‘U MÚNNE ÉJE VÈRDE E NN’ÉJE É REVE, LEVE ‘A SÉTE E NN’ÉJE ACQUE, ÉJE ROSCCE E NN’ÉJE FÚCHE

14. P’A SCORZE NÈN TÈNE GUSTE……. SÈNZA SCORZE È TUTTE GUSTE

15. PE STA FÈRME ADDA STA ‘O SSCIÚTTE

16. QUANNE È CAVEDE, ÉJE FRISSSKE

17. PARLE SÈNZA VOCCHE, TE PALIÈJE E NE TE TOCCHE, FÚJE SÈNZA PIDE, PASSE E NU VIDE

18. ÉJE ‘NA NEMALECHE CHE CAMÌNE TENÈNNE ‘I PIDE NCAPE

19. SI U VIDE, CUM’ÉJE BRUTTE! SI L’ADDURE, CUME FETE! SI U TUCCHE, CUM È PELUSE! SI TU MÀGNE, CUM È BBÙNE!

20. VÈRDE NASCE, VÈRDE PASCE, VÈRDE MORE

21. SE GUARDE CHE L’UCCHJE E NZE TOCCHE P’IMMANE

22. ‘A CODE ÉJE VÈRDE E ‘A CAPE ÉJE JANGHE

23. TUTTE ‘I FÈMMENE A TÈNENE SOTTE ,CHI ‘A TÈNE SANA E CHI ‘A TÈNE ROTTE.

24. SE CAGNE‘A CAMMÌSE SKITTE ‘NA VOTEA L’ANNE

25. ÉJE ‘NA COSE LONGHE E LISCE CHE QUANNE A TUCCHE PISCE

26. NISSCJÚNE A CHIÚDE QUANNE ÉJE VACANDE

27. NEN DORMENE MÀJE, MA STANNE SÈMBE ‘NDO LITTE

28. CHI A TÉNE LARGHE E CHI A TÉNE STRETTE, CHI A TÈNE CHÌJENE E CHI A TÉNE VACANDE

29. ANNANZE S’ACCORCE, ARRÈTE S’ALLONGHE

30. U PADRE TE FACE NCAVEDÀ E ‘U FIGGHJE TE FACE CHIAGNE

31. ‘A MAMME ÉJE STURTARELLE, ‘A FIGGHJE ÉJE TANDA BBÈLLE

32. FACE L’ ÓNDE NN’ÉJE MARE, TÉNE ‘I SPINE NN’ÉJE PESCE

33. STACE ‘NDA CUCINE E TÉNE QUATTE PIDE MA NEN CAMINE

34. ALLICCHE, ALLICCHE, PO ‘NDO PERTÚSE U FICCHE

35. CE STA ‘NA CÓSE CHE NZE MOVE E CAMINE SÈMBE

36. TÈNGHE ‘NA CÈSTE D’ÓVE: A SÉRE CI MÈTTE E ‘A MATINE NN’I TROVE

37. GGIRE GGIRANNE, VOTE VUTANNE, FACE QUELLA CÓSE E PO’ SE REPOSE

38. SSCÈNNE RÈRENNE, NGHIANE CHJAGGNENNE

39. SONGHE PADRE MA NZONGHE NZURATE, QUANNE FAZZE ‘U PADRE TUTTE CÓSE M’ACCUNDATE

40. MÈTTE ‘I MMANE ‘NDO L’AVÉTE MÈTTENE ‘I PIDE

41. BBÈLLE DA VEDÉ, BBÈLLE D’ACCATTÀ, MITTELE ‘NDA CASSCE E LASSELE STÀ

42. CADE ‘NDÈRRE E ‘NZE ROMBE, CADE NDA L’ACQUE E SE ROMBE

43. CINDE NÌDE E CINDE ÓVE, CINTE PAPERE ‘NDA CANGIOLE

44. TÈNENE ‘A CODE VERDE E ‘I BAFFE JANGHE

45. I MITTE TÚSTE E I LIVE MUSSCE E VAVÚSE

46. ‘I ZETÈLLE NE TÉNENE DOJE, ‘I MMARETATE NE NEN TÉNENE NISSCJUNE =

47. MAMME U NGRICCHE E TATE U MMOSCE

48. ‘NCOPPE A ‘NA MUNTAGNE CE STÉVE ‘NA VÉCCHJE CHE SKITTE‘NU DINDE, CHE CHIAMAVE TUTTE ‘A GGENDE

49. NEN TÉNE COSSE E CAMMINE, NEN TÉNE LÉNGHE E PARLE

50. NEN TÉNE COSSE PE CAMMENÀ, NEN TÉNE CÚLE PE S’ASSETTÀ

51. SÒTTE ‘A TRIPPE DE MAMMETE CE STA ‘NU BBUCHE LARGHE TANDE

52. TATE U NGRICCHE E MAMME U MMOSCE

53. TUTTE U TÉNENE, MASCÚLE E FÈMMENE

Provate ad indovinare prima di leggere le risposte in calce a questo articolo.

 

RISPOSTE
1. La zanzara- 2.Il peto – 3. Il dito – 4.La scarpa – 5. La sigaretta – 6. Il formaggio- 7.Il gallo – 8. Il carbone – 9. Lo scolapasta- 10 La suocera – 11 La confessione – 12.Il francobollo – 13.L’anguria – 14.Il fico d’India – 15.La barca – 16.Il pane – 17.Il vento – 18. Il pidocchio – 19.Il maiale – 20.Il cetriolo – 21.L’ombra – 22.La cipolla – 23.La piega della gonna – 24.La serpe – 25.La bottiglia – 26.La busta – 27.Le lenzuola – 28. La tasca – 29. La strada da percorrere – 30. Il fuoco e il fumo – 31. La vite e l’uva – 32. Il grano – 33. Il tavolo – 34. Il filo dell’ago – 35.L’orologio – 36.Le stelle – 37.Lachiave – 38. Il secchio del pozzo – 39. Il prete . 40. Il calzolaio 41.Il corredo 42. La carta – 43. Il melagrano – 44. Le cipolle novelle – 45. I maccheroni 46. La lettera elle – 47.Il materasso – 48. La campana – 49. La lettera – 50. La palla – 51. La botte -52.Il sacco di farina – 53.Il nome

 

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

"Dialettando" è una rubrica di Lino Montanaro che ha raccolto prima nella sua memoria e poi in appunti, proverbi, modi di dire, espressioni tipiche lucerine, pillole di saggezza popolare, tramandate di generazione in generazione. [biografia]

Lascia un commento