Angolo della poesia dialettale lucerina: “U MUSCKÍLLE” di Pasquale Zolla


Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.

elefanteQueste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

Qui di seguito, la poesia “U MUSCKÍLLE“, poesia di Pasquale Zolla.

Nu lefante nta nu lavarone trasije e a véve chiane chiane se mettije.
Quanne se dessetaje l’acque pe ngulle se menaje.
Nu musckille desturbate se sentije è de vendecarse decdije nta paposce trasije è a delecarle se mettije.
U bestione mpazzì se sentije è contr’a’ l’arève sbattijje quille ch’év ‘u mutive d’a pazzije.
Tant’a’ paposce sbattije chè murte ntèrre u bestione cadije,
Stu fatte capì’ ci’avarrije chè i mineme fessarije nen sann’a lleggére pegghjà pecchè grusse uaje ponne dà.

TRADUZIONE: IL MOSCERINO
Un elefante in una pozzanghera entrò e a dissetarsi lentamente si mise.
Quando si dissetò l’acqua su di se si soffiò.
Un moscerino si sentì infastidito e decise di vendicarsi nella proboscide entrò e si mise a solleticarlo.
Il bestione impazzire si sentì e contro l’albero battè quella che era motivo della sua mattia.
Tante volte la proboscide battè che morto per terra il bestione cadde.
Questo racconto far capire ci dovrebbe che le minime sciocchezze non si devono alla leggera prendere perché grossi guai possono dare.

COMMENTO
Pasquale Zolla, con questa poesia, chiara e semplice nel linguaggio, ci dona una pillola di saggezza popolare. Mettendo a confronto un grande elefante e un piccolo moscherino, ci dice che ognuno, anche se è grande, non deve sottovalutare i problemi che sembrano insignificanti. A volte anche i piccoli problemi possono creare grandi disagi.

Una Rubrica di
Lino Montanaro & Lino Zicca

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento