Angolo della poesia dialettale lucerina: “‘A GIUSTÌZZEJE” di Pasquale Tedeschi


Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.

Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

falcoQui di seguito, la poesia ” ‘A GIUSTÌZZEJE“, poesia di Pasquale Tedeschi

Chissà quanda vote l’amme viste nu falucunètte ngalametate da mizz’o cile pundà abbassce, dind’a cambagne o nd’a furéste e subbete avezarese che nd’i ciambe nu suracille.
Povere anemalucce, che isse s’a pegghjene tutte quande pure i serpinde ammucciate arréte i rocchje;
manghe l’ome u tratte mégghje de tande ca isse, appéne u véde, p’a pavure già se squagghje.
Pure l’ome véne trattate u stèsse, cerche de luttà condre i putinde ma nge rièssce;
s’accorge ogn’e jurne de cchjù che da sule ngi’ a fa e che nzime a l’avete cum’e isse s’adda accucchjà.
E accussì!
Tutt’anzime, mane dind’a mane, ci’avviame pe stà strade che purtarrà lundane baste sendirese forte e chjjne de curagge pe farese giustìzzeje de stu nuve bregandagge.

TRADUZIONE: “LA GIUSTIZIA”
Chissà quante volte l’abbiamo visto un piccolo falco sospeso in mezzo al il cielo puntare sotto, nella campagna o nella foresta e subito risalire portando tra gli artigli un piccolo topo.
Povero animaletto, con lui se la prendono tutti pure i serpenti nascosti dietro i cespugli spinosi; nemmeno l’uomo lo tratta meglio di altri e lui, appena lo vede, per la paura già si nasconde.
Pure l’uomo è trattato allo stesso modo cerca di lottare contro i potenti, ma non ci riesce: capisce ogni giorno di più che da solo non ce la fa e che insieme ad altri come lui si deve unire..
E così! Tutti insieme, mano nella mano ci avviamo per questa strada che porterà lontano, basta sentirsi forti e pieni di coraggio per farsi giustizia di questo nuovo brigandaggio.

COMMENTO
Lilino Tedeschi, con parole chiare ci dipinge il topolino, animale piccolo e indifeso, che subisce violenza per opera di potenti. Tra questi c’è anche l’uomo, che a sua volta è vittima di altri potenti. La poesia, che con tratti semplici mostra questa pari condizione di vittima, s’innalza, proprio come fa il falucunètte, quando con parole penetranti l’uomo capisce che unendosi può combattere le ingiustizie dei potenti e il brigantaggio dei giorni nostri.

Una rubrica di Lino Montanaro e Lino Zicca

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento