Angolo della poesia dialettale lucerina: ” ‘A MAMME “, poesia di Enrico Venditti


Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.

Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

Qui di seguito, la poesia ‘A MAMME “,  poesia di Enrico Venditti

Si pènze e sagreficje ch’èsse ha fatte da quanne appreparave i pupatèlle e se scetave, ‘a notte, a darme u latte.
Cume nen pozze di ca mamme è bbèlle?
Cume a ‘na vucelluzze m’à ccèvate cu nu panucuttille, a mullechèlle e po’ nnande pe nnande m’à purtate.
Cume nen pozze di ca mamme è bbèlle?
E m’à mbarate a cammenà da sole che èsse ca tenève i redènelle, e m’à mbarate a ddì ‘a prima parole.
Cume nen pozze di ca mamme è bbèlle?
Mo me so’ fatta grosse e so’ figghjole, ma è come se nen fusse mai cresciute, ogne matine, quanne vache a scole, arrète i lastre guarde e me salute.
Di che ca mamme è bbèlle, ma pe tutte ‘a mamme è cume e n’angele, na stèlle.
Nge stanne mamme bbèlle e mamme bbrutte.
Cum’éja éje, ‘a mamme è sèmbe bbèlle!

TRADUZIONE: LA MAMMA
Se penso ai sacrifici che ha fatto da quando preparava i succhiotti di pezza e si svegliava, la notte, per allattarmi.
Come non posso affermare che mamma mia è bella?
Come un uccellino mi ha cibato con il pancottino, le mollichine e poi via via mi ha giudato.
Come non posso affermare che mamma mia è bella?
E mi ha insegnato a camminare da sola mentre lei mi teneva con le dande e mi ha insegnato a dire la prima parola.
Come non posso affermare che mamma mia è bella?
Ora sono cresciuta e sono una ragazza, ma è come se fossi rimasta bambina, ogni mattina, quando vado a scuola, da dietro la vetrina mi guarda e mi saluta.
Dico che mamma mia è bella, ma per tutte noi la mamma è come un angelo, una stella. Non esistono mamme belle e mamme brutte.
Comunque siano, la mamma è sempre bella.

COMMENTO: La poesia, che si apprezza per lo stile asciutto che caratterizza lo scrivere dell’avvocato Venditti, tratta del rapporto tra madre e figlia. Di quel rapporto che si crea dalla nascita e dura tutta la vita: dall’allattamento allo svezzamento, dai primi passi all’andare a scuola e poi ancora. La poesia, è bene evidenziarlo, non parla del rapporto madre-figli ma di quello speciale che esiste tra una madre e una figlia. Tanto da far dire a quest’ultima che la madre è sempre bella, forse per dire che è bello avere una madre.

 

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento