Angolo della poesia dialettale lucerina: “A Raggionèreje” di Pasquale Tedeschi


la_ragioneria_copertinaLino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.
Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

Qui di seguito, la poesia “A Raggionèreje” di Lilino Tedeschi.

POESIA:

A Raggionèreje
Istituto tecnico commerciale e per geometri
Vittorio Emanuele III
Nu nome troppe lunghe da dì.
Megghie canusciute come Raggionèreje,
na scole che stève a chiazza Nocèlle,
sope a nu palazze prevate,
andò i stanze sonne deventate aule grosse e bbèlle
e tanta giuvene ànne studejate e se sonne deplumate.
Nda quella scole ce stavame pur nuje,
alunne du geometre,ma èreme talmènte poche
che manghe se n’accurgèvene de sta cumbagneje.

A Raggionèrje ère mburtante e faceva clamore;
nzime e giuvenettille ce jèvene pure i fegghiulètte
e, a sciute da scole, se furmavene gruppe e gruppètte
pe truuarse chi spose e parlà d’amore na mèzzorètte.

Dope i cose sonne cagnate:
a raggionèreje è state mannate a Viale Dante,
acccussì  è devendate angore cchiù ‘mburtante.

A scola vècchie seme  rumaste i gèometre,
poche classe, che poche alunne,
ma che nu campe grusse da cultevà.
A cinte mètre ce stève u Magestrale,
andò se deplumavene i maèstre de scole;
tanta bbèlle e bbone fegghjole
da putè adducchià e putèrse fedanzà.

U prèsede ère Matteje La Mèdeche,
a contrafegure de Frank Sinatre u ggnuravame.
I ssemegnave fisecamènte  e pure ca voce e,
nen sapènne isse cantà, se mettève sèmpe a lucculà.

Quante n’amme cumbenate e tant’ episodeje angore d’accuntà:
da i schèrze fatte a i prefessure, a i juche chi bbedèlle.
Du pèrsonale da sègrètèrìje a despunibbeletà
e sèmbe pronde a sestemarce tutt’i cartuccèlle.

De l’alunne ne nne parlame;
èje megghje che ci recurdame che sembateje
sennò pure mo, doppe tant’anne,
fernesce a fetenzeje u recurde da Raggionèreje.

A mizze a tanta cose che sonne cagnate
se ne so scurdate da cchiù ‘mburtande:
de cagnà u nome a sta scole.
Cancellà u vecchje monarche
e mètte u nnòme de nu crestejanone
che se meretasse a ndetulazione;
scèlte, tra persunagge de culture o scinze,
pe quille che à lassate ndo munne
e pe l’onore date a nazione.

Pasquale Tedeschi

TRADUZIONE:
LA RAGIONERIA
Istituto tecnico commerciale e per geometri
Vittorio Emanuele III

Un nome troppo lungo da pronunciare.
Meglio conosciuta come la Ragioneria,
una scuola che stava  in Piazza Nocelli,
in un palazzo privato.
dove le stanze sono diventate aule grosse  e belle,
e dove tanti ragazzi hanno studiato e si sono diplomati.

In quella scuola c’eravamo anche noi
alunni del geometra,
ma eravamo così pochi
che neanche si accorgevano della nostra compagnia.

La ragioneria era importante e faceva clamore;
insieme ai ragazzi c’erano pure le ragazze
e, all’uscita di scuola, si formavano gruppi e gruppetti
per incontrarsi con le fidanzate e parlare d’amore una mezz’oretta

Poi le cose sono cambiate:
la Ragioneria è stata trasferita in Viale Dante,
così è diventata ancora più importante.

Nella scuola vecchia sono rimasti i geometri,
poche classi, con pochi alunni,
ma un grosso campo da coltivare.
A cento metri stava il Magistrale,
dove si diplomavano le maestre di scuola;
tante belle e attraenti ragazze
da poter adocchiare e potersi fidanzare.

Il Preside era Matteo La Medica
controfigura di Frank Sinatra che così chiamavamo.
Gli somigliava fisicamente e pure con la voce e,
non sapendo cantare, si metteva sempre a urlare.

Quante ne abbiamo combinate e tanti aneddoti ancora da raccontare:
dagli scherzi fatti ai professori, ai giochi con i bidelli.
Del personale di segreteria disponibile
e sempre pronto  a sistemare tutta la documentazione

Degli alunni non ne parliamo;
è meglio ricordarli con simpatia
altrimenti adesso, dopo tanti anni,
finisce a fetenzia il ricordo della Ragioneria.

Fra le tante cose che sono cambiate
si sono scordati della più importante:
di cambiare il nome alla scuola.
Cancellare il vecchio re
e dare il nome di un uomo importante
che si merita l’intitolazione ;
scelto, tra personaggi di cultura o scienza,
per quello che ha lasciato nel mondo
e per l’onore dato alla nazione.

Pasquale Tedeschi

COMMENTO:

Pasquale Tedeschi, che ha la passione per la poesia dialettale, ha scritto recentemente questi versi dedicati alla scuola che ha frequentato anni fa. Richiama con semplicità l’impegno per gli studi e anche i divertimenti dei giovani studenti, ma anche i loro primi amori. Parla del preside, dei professori, dei bidelli e del personale amministrativo della scuola e degli studenti come di una grande famiglia. Conclude la sua poesia con la speranza che l’istituto possa essere intitolato a una personalità della cultura e delle scienze e che sia sostituito il nome attuale che è quello del re Vittorio Emanuele III.

La poesia di Pasquale Tedeschi è inserita nel libro di recente pubblicazione LA RAGIONERIA” di Lino Mntanaro e Lino Zicca

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento