Angolo della poesia dialettale lucerina: ” ‘A RUCHELE D’U CASTILLE “, poesia di Lella Chiarella


Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.

Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

Qui di seguito, la poesia “‘A RUCHELE D’U CASTILLE “, poesia di Lella Chiarella

Tène tanda cose Lucére pe farese vulè bbéne: Gènde, arie, sande e ‘ndechetà.
Ma u saje chi face u bbune e u bbrutte timbe?
‘A ruchele d’u Castille.
Si nu fèsse vuje ‘ngappà, quèlle ci’àja fà magnà: crude, a ‘nzalate, suffritte.
Assì po’ ci’accucchje u tricolore ‘nzime che cecatille e pemmedore, Carme’, ce pu dorme sope, gerasse u munne isse, nen te scappe cchjà!

TRADUZIONE LA RUCOLA DEL CASTELLO
Lucera ha tante eccellenze per farsi voler bene: persone, aria, santi e antichità. Ma lo sai chi fa Il bello e il cattivo tempo? La rucola del Castello. Se un marito vuoi acchiappare, quella gli devi far mangiare: cruda, a insalata, soffritta. Se poi combini il tricolore con orecchiette e pomodoro, Carmela, ci puoi dormire sopra, girasse il modo lui, non ti scappa più!

COMMENTO:

La brava Lella Chiarella con queste versi, limpidi e asciutti, manifesta tutto il suo amore per la sua città natale e per ciò che la rende unica. Fra le tante cose che la fanno amare mette al primo posto la rucola del castello di Lucera, che è sempre stata considerata una prelibatezza. Le attribuisce addirittura poteri magici, tanto che se una donna la cucina bene avrà la sicurezza di conquistare il suo uomo, che non andrà mai via. Oggi la rucola del castello non c’è più, sostituita da quella coltivata, e il suo potere magico forse è sparito. cate!

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento