Angolo della poesia dialettale lucerina: “‘A VECCHIAJE” di Enrico Venditti


Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.

Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

vecchiaiaQui di seguito, la poesia “‘A VECCHIAJE“, poesia di Enrico Venditti

‘A vecchiaje è ‘na bbrutta malatije e nge stace vaccine ca ce pote.
Te véne apprisse, e tu, pe mmizz’a vije, ndérre te truve, nu jurne, chi rote.
I ggiùvene che llore nen te vonne nn’u dicene, ma tu u capissce chiare.
I fèmmene ca so quille ca sonne t’u dicene mbacce pare pare.
A l’ata sére, appunde, a doje fegghjole ca guardaje – ma forse fuje ndescréte – I sendije da dì: “Quille che vole? Avesse chi u vuttasse mo da réte!”

TRADUZIONE: LA VECCHIAIA
La vecchiaia è un brutto male e non c’è vaccino che lo curi. . Ti viene dietro, e tu, in mezzo alla strada, a terra ti trovi, un giorno, con le ruote. I giovani con loro non ti vogliono non lo dicono, ma tu lo capisci chiaramente. Le donne che sono quelle che sono e te lo dicono in faccia. L’altra sera, per l’appunto , a due ragazze che guardai – ma forse fui inopportuno – sentii dire: “Quello che vuole? Avrebbe bisogno di qualcuno che lo spinga di dietro!

COMMENTO
Ancora una volta, l’avvocato Venditti ci regala una bella poesia che, con la sua chiarezza e incisività, parla della vecchiaia. Un male, secondo l’autore, che avanza insesorabile, e che crea nel vecchio la consapevolezza che con la vecchiaia i giovani, uomini e donne, non vogliono avere nulla a che fare.

Una rubrica di Lino Montanaro e Lino Zicca

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento