Angolo della poesia dialettale lucerina: ” LUCERE CHIAGNE “, poesia di Pasquale Tedeschi


Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.

Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

Qui di seguito, la poesia “LUCERE CHIAGNE” di Pasquale Tedeschi

Chiagne stu paése p’i timpe suje de na vote
quanne pe mizz’è strade se sendèvene i bande de guagliuncille;
chi jucave a tocca tocca e chi jève a scaveze dind’a lote,
chi che mazz’è piveze e chi curréve apprisse a u scazzamurille.
Chiagne stu paèse pe quèlla gènte chè abbetave ‘ndi suttane:
cummà ‘Ngettine chè pulezzave nu sacche de verdure,
a vecchiarelle chè arravugghjave a matasse de lane
mèntre Luzzélle ‘mpastave i cicatille pu marite Arture.
Chiagne stu paése pe quilli strusce chè nen ze fanne cchiù.
A mizze u larghe se retruvave tutt’a gevendù
e chi che l’occhioline, chi cu pezzecotte è chi ca memose
cervavene d’organezzà i feste andò truvarse a spose.
Chiagne stu paése pe tutte i figghje suje luntane
ch’hanne avute èmegrà pe nu stuzze de pane
e, quanne tornene p’i fèste de Natale,
a vedè u paèse lore tutte cagnate, chè restene male.
Chiagnjme nuje da dinte dind’o core
A vedè Lucére che s’èje allungate ‘nda campagne
dinte o paèse vècchije ce jame sole qualche ore
po’ turname triste è case nostre, d’andò vedeme sole i muntagne.

TRADUZIONE.
LUCERA PIANGE
Piange questo paese per i suoi tempi di una volta
quando per le strade c’era il vociare delle bande di ragazzini:
chi giocava all’acchiapparello e chi andava scalzo nel fango,
chi giocava a mazza e mazzarella e chi rincorreva il folletto della casa.
Piange questo paese per quella gente che abitava nei sottani:
comare Concettina che puliva tanta verdura,
la vecchietta che avvolgeva la matassa di lana
mentre Raffaella impastava le orecchiette per il marito Arturo.
Piange questo paese per le passeggiate che non si fanno più.
A Piazza Duomo si ritrovava tutta la gioventù
e chi con l’occhiolino, chi con il pizzicotto e chi con la mimosa
cercavano di organizzare le feste per trovarsi la fidanzata.
Piange questo paese per tutti i suoi figli lontani
che hanno dovuto emigrare per un tozzo di pane
e, quando tornano per le feste natalizie,
nel vedere il loro paese tutto cambiato, ci restano male.
Piangiamo noi tutti da dentro al cuore,
nel vedere Lucera che si espande nella campagna,
nel paese vecchio ci rechiamo solo qualche ora
e torniamo tristi alle nostre case da cui vediamo soltanto le montagne

COMMENTO:
Pasquale Tedeschi, con questa poesia dipinge una realtà che non esiste più. I colori che utilizza su uno sfondo fatto di nostalgia sono i ricordi che si tengono insieme per la forza dei sentimenti. Il gioco e l’amicizia dei bimbi e dei ragazzini, i lavori antichi delle casalinghe, l’amore per quelli che sono andati via, la ricerca dell’amore da parte dei giovani. Realtà e sentimenti che sembrano scomparsi in una città che, per effetto della sua espansione edilizia, ha rotto il nesso magico della sua unitarietà
La foto scelta per la copertina è uno scatto di Emma Grasso.

 

 

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento