Angolo della poesia dialettale lucerina: ” U MAGGNÀ D’A MESÈRJE “, poesia di Pasquale Zolla


Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.

Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

Qui di seguito, la poesia “U MAGGNÀ D’A MESÈRJE” di Pasquale Zolla

Si ‘a lópe te pigghje è nd’i sakke mòmmabbìje nge ne stanne, ‘na gròssa maggnate te puje fà si nu póke de fandasìje tine.
Succiudéve a mmè tanne kuanne krjature éve è ‘a mammarèlla mìj’a chjamave u maggnà d’a mesèrje pekkè ngustave nind’è ‘na maggnate de sunne déve.
Pe pprime ‘a ‘ddóre de nu tembbane de scevjòtte rusukarille kutte ò furne, akkumbaggnate d’a ‘ddóre d’u vine ka d’è kandine véne fóre.
Pe ssekònne nu pare de bbestèkke d’arja frèsscke nustral’akkumbaggnate d’a ‘ddóre de ‘na fèlle de pane sfurnate d’a ‘Dórfe.
Pe kkundurne è ‘a frutte ‘na uardate è bbangarèlle nghjazze è kke l’ucchje tu te puje akkapà tuttekuille ka te pjace.
Pe nghjude mbellizze a’ pastecciarìje vaje de petetòne a ‘mmizz’ò lareghe è tutte i ‘ddóre ggnòtte te puje d’i durcètte ka nd’a vetrine stanne.
Pure si ‘na maggnate de sunn’éve è u stòmmeke mmakand’arrumanéve, kuillu maggnà k’a mesèrje me déve me arrjalave tanda felecetà ka mbaravise me paréve de stà!

TRADUZIONE: IL CIBO DELLA MISERIA
Se hai una fame incontenibile e sei senza soldi, una grande abbuffata puoi fare se un po’ di fantasia hai.
Capitava a me quando ero bambino e la madre mia lo chiamava il cibo della miseria perché non costava nulla e una mangiata di fantasia ti dava.
Per primo l’odore di un timballo di maccheroni croccanti cotti al forno, accompagnati dall’odore del vino che viene fuori dalle cantine.
Per secondo un paio di bistecche d’aria fresca casareccia accoppiate all’odore di una fetta di pane appena sfornato da Adolfo.
Per contorno e frutta uno sguardo alle bancarelle in piazza e con gli occhi puoi prendere tutto ciò che ti piace.
Per chiudere in bellezza si va alla pasticceria Pozzuto in Piazza Duomo e puoi ingozzarti con tutti gli odori delle paste che in vetrina sono esposte.
Anche se una mangiata di fantasia era e rimanevo a digiuno, quel cibo che la miseria mi dava mi regalava tanta felicità al punto che in paradiso mi sembrava di stare!

COMMENTO:
Pasquale Zolla con grande capacità ci parla di un tempo passato dove regnava la fame nera e dove la fantasia, soprattutto delle madri, riusciva con suggerimenti e furbizie ad allentare i morsi della fame dei propri figli. Anche allora si conosceva il primo come il timballo, il secondo come la carne, l’insalata, la frutta e il dolce: un pranzo del genere non era per tutti. Per alcuni c’era il pranzo della miseria, ovvero, della fantasia. E ora, per tante famiglie, è cambiato qualcosa?

Pasquale Zolla ha una feconda vena di poeta in vernacolo, ma è ricordato anche per altre opere, e, soprattutto, per il Dizionario enciclopedico/etimologico del dialetto di Lucera “ PARLE KUME T’HA FATTE MAMMETE “.

 

 

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento