Dialettando 129 – Modi di dire Lucerini


Lino Montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 129

A Lucera non si dice “Vale la pena fare un sacrificio se non serve almeno a qualcosa?” ma si dice
– “C’AMMA JI FÌNE A CAPRÁCOTTE PE ‘NA MAGNÁTE DE RECOTTE?

A Lucera non si dice “Sta vivendo un’esperienza spiacevole” ma si dice
– “QUILLE VÁCE CAMENANNE C’A PÈTTELE DA FÓRE

A Lucera non si dice ” Non da alcun peso a quello che gli altri dicono, fanno, pensano” ma si dice
– “PÈNZE E’ CÁZZE SÚJE E NÌNDE CCHJÙ

A Lucera non si dice “Vuole che le sue cose vadano avanti senza intoppi e difficoltà” ma si dice
– “VÓLE JÌ NZÓPA NZÓPE CÚM’E L’ÚGLJE

A Lucera non si dice ” Per sottrarsi a una situazione imbarazzante, se l’è svignata” ma si dice
– “VATTULUFRÍCHE, SE NE JÚTE DE CARRÉRE!

A Lucera non si dice ” Agire con beffarda indifferenza!” ma si dice
– “A LLÀ CHE ME NE FRÉCHE!

A Lucera non si dice ” Giovanotto è inutile che protesti, non ti ho neanche sfiorato” ma si dice
– “NEH, UAGLJÒ, T’AVÈSSE LUUÁTE NA PEZZÁTE?

A Lucera non si dice “Battuta paradossale che viene pronunciata in risposta a chi chiede notizie su un funerale che sta transitando “ ma si dice
– “CHI È MÚRTE?” (questa è la domanda) “COSSESTÚRTE!” (questa è la risposta).

A Lucera non si dice “Se ne andato rapidamente per paura del peggio“ ma si dice
– “SE NE JÚTE CCHJÙ PPRÈSTE CHE SSÙBBETE

A Lucera non si dice ” Finge di non interessarsi a qualcosa che desidera intensamente“ ma si dice
– “QUILLE FÁCE CÚME ‘A VOLEPE CHE L’ÙUE

 

REGOLE DI PRONUNCIA

Il dialetto lucerino, come del resto ogni dialetto, ha le sue ben precise e non sempre semplici regole di pronuncia. Tutto questo, però, genera inevitabilmente l’esigenza di rispettare queste regole non solo nel parlare, ma anche e soprattutto nello scrivere in dialetto lucerino. Considerato che il fine di questa rubrica è proprio quello di tener vivo e diffondere il nostro dialetto, offrendo così a tutti, lucerini e non, la possibilità di avvicinarvisi e comprenderlo quanto più possibile, si ritiene di fare cosa giusta nel riepilogare brevemente alcune regole semplici ma essenziali di pronuncia, e quindi di scrittura dialettale, suggerite dall’amico Massimiliano Monaco.

1) La vocale “e” senza accento è sempre muta e pertanto non si pronuncia (spandecà), tranne quando funge da congiunzione o particella pronominale (e, che); negli altri casi, ossia quando la si deve pronunciare, essa è infatti sempre accentata (sciulutèzze, ‘a strètte de Ciacianèlle).

2) L’accento grave sulle vocali “à, è, ì, ò, ù” va letto con un suono aperto (àreve, èreve, jìneme, sòrete, basciù), mentre l’accento acuto “á, é, í, ó, ú” è utilizzato per contraddistinguere le moltissime vocali che nella nostra lingua dialettale hanno un suono molto chiuso (‘a cucchiáre, ‘a néve, u rebbullíte, u vóve, síme júte), e che tuttavia non vanno confuse con una e muta (u delóre, u veléne, ‘u sapéve, Lucére).

3) Il trigramma “sck” richiede la pronuncia alla napoletana (‘a sckafaróje, ‘a sckanáte).

4) Per quanto riguarda le consonanti di natura affine “c-g, d-t, p-b, s-z” è stata adottata la grafia più vicina alla pronuncia popolare (Andonije, Cungètte, zumbà) quella, per intenderci, punibile con la matita blu nei compiti in classe.

5) Per rafforzare il suono iniziale di alcuni termini, si rende necessario raddoppiare la consonante iniziale (pe bbèlle vedè, a bbune-a bbune, nn’è cósa túje) o, nel caso di vocale iniziale, accentarla (àcede, ùcchije).

6) Infine, la caduta di una consonante o di una vocale viene sempre indicata da un apostrofo (Antonietta: ‘Ndunètte; l’orologio a pendolo: ‘a ‘llorge; nel vicolo: ‘nda strètte).

LA RAGIONERIA il nuovo libro di Lino Montanaro e Lino Zicca

“Storie da scuola: Un album di ricordi, di fatti, di aneddoti e personaggi”

la_ragioneria_copertina

ORDINA ORA

Le storie raccontate in questo libro, che abbracciano un arco temporale che parte dagli inizi degli anni sessanta e finisce nel 1969, nascono nelle aule della storica scuola di Lucera detta la “ragioneria“. Sono storie che potrebbero essere ambientate in una qualsiasi scuola italiana, perchè raccontano vicende che avvengono particolarmente all’interno di ambienti scolastici. Sono quindi storie senza tempo, che raccontano del periodo più importante della nostra vita, quello in cui si comincia a conoscere il mondo attraverso la mediazione di altre figure. E’ infatti, proprio in questa fase della vita che si fissano i ricordi più belli e si vivono le vicende che un giorno si racconteranno con piacere. E’ il momento in cui nascono le relazioni più importanti, gli amori, le passioni e a volte i rancori. La scuola, intesa come comunità di persone orientate a uno scopo, è la protagonista indiscussa di tutto questo. Nel nostro caso è nelle aule dell‘Istituto Vittorio Emanuele II che accadono alcuni avvenimenti, che abbiamo il piacere di leggere in queste pagine.

 

 

 

Ordina ora il libro “LA RAGIONERIA”, di Lino Montanaro e Lino Zicca
Considerato che il libro “LA RAGIONERIA” non ha un prezzo di vendita, assicuratene subito la disponibilità, con un contributo minimo volontario alle spese di stampa di euro 10,00 + 2 euro spese di spedizione.
Compila il form che segue:

Il tuo nome e cognome (richiesto)

Indirizzo di Spedizione (richiesto)

Città (richiesto)

Cap (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono (opzionale)

Numero copie (richiesto)

 

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

"Dialettando" è una rubrica di Lino Montanaro che ha raccolto prima nella sua memoria e poi in appunti, proverbi, modi di dire, espressioni tipiche lucerine, pillole di saggezza popolare, tramandate di generazione in generazione. [biografia]

Lascia un commento