Dialettando 162 – Modi di dire Lucerini


Lino Montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 162

A Lucera non si dice “Certe persone appaiono belle, vere, buone solo in apparenza ” ma si dice
– “ND’A VOTTA PECCENÈNNE CE STÁCE U VÍNE BBÙNE, MA PÚRE ‘A CÍTE

A Lucera non si dice “Non sono i morti a molestare gli esseri umani, ma i vivi“ ma si dice
– “È TENÈ PAÚRE D’I VÍVE, NO D’I MÚRTE

A Lucera non si dice ” Ai peggiori capita spesso il posto più comodo” ma si dice
– “I PÉGGE CÁNE, I MÈGGHJE JÁZZE

A Lucera non si dice “Si convincerà da solo, dopo aver sbagliato “ ma si dice
– “U POLEPE SE CÓCE PE L’ACQUA SÚJA STÈSSE

A Lucera non si dice ” Dio da ad ognuno la sua croce” ma si dice
– “U PATATÈRNE DÁCE FRIDDE PE QUÁNDE NE TÉNE ND’A CAMESÈLLE

A Lucera non si dice ” È una persona veramente di nessun valore!“ ma si dice
– “QUILL’ÉJE VÚNE CHE NE NGÁNDE E NEN CATÚBBE, È PROPETE NU LAMBASCIÓNE!

A Lucera non si dice “ Infelice è chi non è autosufficiente” ma si dice
– “POVERE A CHI ‘NZE POTE GGRATTÀ PE L’ÓGNE SÚJE

A Lucera non si dice “Su questa tavola c’è tanto disordine “ ma si dice
– “STA TAVELE ASSEMÈGGHJE ‘A BANCARÈLLE D‘U SCARPÁRE

A Lucera non si dice “È veramente sfortunato, si trova in uno stato di completa indigenza“ ma si dice
– “ TÉNE ‘I QUARTINE REMBÈTTE A FAVÚGNE

A Lucera non si dice “Accidenti, ma dove diavolo si trova casa tua?“ ma si dice
– “ ‘VATTULUFRÍCHE, STA CÁSA TÚJE A NDO STÁCE ‘A ‘MBORCHJE?

Foto copertina di Emma Grasso.

REGOLE DI PRONUNCIA

Il dialetto lucerino, come del resto ogni dialetto, ha le sue ben precise e non sempre semplici regole di pronuncia. Tutto questo, però, genera inevitabilmente l’esigenza di rispettare queste regole non solo nel parlare, ma anche e soprattutto nello scrivere in dialetto lucerino. Considerato che il fine di questa rubrica è proprio quello di tener vivo e diffondere il nostro dialetto, offrendo così a tutti, lucerini e non, la possibilità di avvicinarvisi e comprenderlo quanto più possibile, si ritiene di fare cosa giusta nel riepilogare brevemente alcune regole semplici ma essenziali di pronuncia, e quindi di scrittura dialettale, suggerite dall’amico Massimiliano Monaco.

1) La vocale “e” senza accento è sempre muta e pertanto non si pronuncia (spandecà), tranne quando funge da congiunzione o particella pronominale (e, che); negli altri casi, ossia quando la si deve pronunciare, essa è infatti sempre accentata (sciulutèzze, ‘a strètte de Ciacianèlle).

2) L’accento grave sulle vocali “à, è, ì, ò, ù” va letto con un suono aperto (àreve, èreve, jìneme, sòrete, basciù), mentre l’accento acuto “á, é, í, ó, ú” è utilizzato per contraddistinguere le moltissime vocali che nella nostra lingua dialettale hanno un suono molto chiuso (‘a cucchiáre, ‘a néve, u rebbullíte, u vóve, síme júte), e che tuttavia non vanno confuse con una e muta (u delóre, u veléne, ‘u sapéve, Lucére).

3) Il trigramma “sck” richiede la pronuncia alla napoletana (‘a sckafaróje, ‘a sckanáte).

4) Per quanto riguarda le consonanti di natura affine “c-g, d-t, p-b, s-z” è stata adottata la grafia più vicina alla pronuncia popolare (Andonije, Cungètte, zumbà) quella, per intenderci, punibile con la matita blu nei compiti in classe.

5) Per rafforzare il suono iniziale di alcuni termini, si rende necessario raddoppiare la consonante iniziale (pe bbèlle vedè, a bbune-a bbune, nn’è cósa túje) o, nel caso di vocale iniziale, accentarla (àcede, ùcchije).

6) Infine, la caduta di una consonante o di una vocale viene sempre indicata da un apostrofo (Antonietta: ‘Ndunètte; l’orologio a pendolo: ‘a ‘llorge; nel vicolo: ‘nda strètte).

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento