Dialettando 205 – Modi di dire Lucerini


Lino Montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 205

A Lucera non si dice “È una persona che è caratterizzata da avarizia esagerata” ma si dice
– “QUILLE È VÚNE CH’È NNÁTE DA RÉTE PE SPARAGNÀ ‘A VAMMÁNE

A Lucera non si dice “Sei un pivello, ti devo ancora insegnare le cose essenziali!” ma si dice
– “SI NU MECCUSÍLLE, T’AGGHJA ‘MBARÀ ANGÓRE APPUNDÀ ‘A VRACHÈTTE!

A Lucera non si dice “Non rischio nulla, in quanto non posseggo niente” dice
– “S’AGGHJE U SEQUÉSTRE, ME LEVÉNE ‘A CAVEDÁRE DE LÉGNE!

A Lucera non si dice “Una filastrocca per fare la conta all’inizio di un gioco“ ma si dice
– “PÌPPUNDÈLLA PUNDÈLLAPPÌ, COLO ZICOZÀ, COLO RAFANÈ, PÌPPUNDÈLLA PUNDÈLLAPPÌ

A Lucera non si dice “Spero che tu e quella diversamente monogama di tua madre abbiate un tracollo” dice
– “CHE PUZZÀ JJETTÀ U SÁNGHE TU E QUÈLLA STRAZZAVRACHÉTTE DE MAMMETE

A Lucera non si dice “Per risolvere questo problema ci vogliono tanti soldi, non i pochi mezzi che si hanno a disposizione” ma si dice
– “A QQUÁ CE VONNE I MOMMABIBÍJE, ATE CHE NU PANÁRE DE FÍCHE!

A Lucera non si dice “Ha un naso troppo sproporzionato” ma si dice
– “TÉNE NU NÁSE ACCUSSÌ A PPRAGGHIOCHELE CHE POTE SPARECCHIÀ ‘NA TAVELE

A Lucera non si dice “Non illuderti che l’hai raggirato” ma si dice
– “ANGÓRE TE CRIDE CHE L’È RASCKÁTE E L’È CULECÁTE

A Lucera non si dice “Perché mi volete discriminare? “ ma si dice
– “UHÈ, CUMBÀ, E CHE ÍJE FOSSE FIGGHJE DE ZOCCHELE?

A Lucera non si dice “Per un piacere temporaneo, brevissimo, ho pagato un prezzo molto elevato ” ma si dice
– “PE VVULÍJE DE SAVEZÌCCHJE, M’AGGHJA AVÚTE CCATTÀ TUTT’U PÚRCHE”

 

REGOLE DI PRONUNCIA

Il dialetto lucerino, come del resto ogni dialetto, ha le sue ben precise e non sempre semplici regole di pronuncia. Tutto questo, però, genera inevitabilmente l’esigenza di rispettare queste regole non solo nel parlare, ma anche e soprattutto nello scrivere in dialetto lucerino. Considerato che il fine di questa rubrica è proprio quello di tener vivo e diffondere il nostro dialetto, offrendo così a tutti, lucerini e non, la possibilità di avvicinarvisi e comprenderlo quanto più possibile, si ritiene di fare cosa giusta nel riepilogare brevemente alcune regole semplici ma essenziali di pronuncia, e quindi di scrittura dialettale, suggerite dall’amico Massimiliano Monaco.

1) La vocale “e” senza accento è sempre muta e pertanto non si pronuncia (spandecà), tranne quando funge da congiunzione o particella pronominale (e, che); negli altri casi, ossia quando la si deve pronunciare, essa è infatti sempre accentata (sciulutèzze, ‘a strètte de Ciacianèlle).

2) L’accento grave sulle vocali “à, è, ì, ò, ù” va letto con un suono aperto (àreve, èreve, jìneme, sòrete, basciù), mentre l’accento acuto “á, é, í, ó, ú” è utilizzato per contraddistinguere le moltissime vocali che nella nostra lingua dialettale hanno un suono molto chiuso (‘a cucchiáre, ‘a néve, u rebbullíte, u vóve, síme júte), e che tuttavia non vanno confuse con una e muta (u delóre, u veléne, ‘u sapéve, Lucére).

3) Il trigramma “sck” richiede la pronuncia alla napoletana (‘a sckafaróje, ‘a sckanáte).

4) Per quanto riguarda le consonanti di natura affine “c-g, d-t, p-b, s-z” è stata adottata la grafia più vicina alla pronuncia popolare (Andonije, Cungètte, zumbà) quella, per intenderci, punibile con la matita blu nei compiti in classe.

5) Per rafforzare il suono iniziale di alcuni termini, si rende necessario raddoppiare la consonante iniziale (pe bbèlle vedè, a bbune-a bbune, nn’è cósa túje) o, nel caso di vocale iniziale, accentarla (àcede, ùcchije).

6) Infine, la caduta di una consonante o di una vocale viene sempre indicata da un apostrofo (Antonietta: ‘Ndunètte; l’orologio a pendolo: ‘a ‘llorge; nel vicolo: ‘nda strètte).

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento