Dialettando: Speciale Filastrocche Lucerine 7


DIALETTANDO FILASTROCCHE – PARTE 7

Filastrocche lucerine, raccolte e trascritte da Lino Montanaro

–    SSCRITTE SÓPA SSCRITTE, S’E SPUSATE MARIJA GIUDITTE; ‘A MARETAGGE CH’À PURTATE? TRE SCAMBELE DE MÈLA FRACETE E ’NA PEGNATE
–    SCARCIOFELA MIJA PELOSE, T’AGGJE AMATE CÚM’E ‘NA ROSE, MÒ CH’È FFATTE ‘I PÍLE, STATTE BBONE SCARCIOFELA MIJA
–    VJATE A TTÈ POVERE CAFÓNE, CA TE MAGNE PANE E CARDONE! POVERE A MME, CHE SONGHE SVENTURATE, A MEZZEJÚRNE PRESÚTTE E A SERE FRETTATE!
–    TANDE LAMBIJEJE CH’A FINE NDRONE; TANDE NDRONE CH’A FINE CHJÓVE; TANDE CHJÓVE CH’A FINE SCHJÓVE
–    SSCIÒ SSCIÒ CIUCCIUUÈ ISSCE FÓRE DA CASA MIJE E TRUUATE N’ÀTA CUMBAGNIJE
–    DIMME E DAMME FACEÍJENE ‘A CCORSE, DIMME CADEÍJE E DAMME VINCÍJE. CHI VINCÍJE DIMME O DAMME?
–    BBEZZOCHE BISSEBISSE FIN’A QUANNE NEN TROVE A ISSE, PO’ QUANNE L’À TRUUVATE È STATE DDIJE CHE MEL’À MANNATE
–    BBRUTTA, BBRÙ, CHI PETTÓRE T’À PPETTATE?

 

 

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

"Dialettando" è una rubrica di Lino Montanaro che ha raccolto prima nella sua memoria e poi in appunti, proverbi, modi di dire, espressioni tipiche lucerine, pillole di saggezza popolare, tramandate di generazione in generazione. [biografia]

Lascia un commento