E’ degli studenti lucerini l’invenzione di un bicchiere che rileva droga nei cocktail


ruggero_bonghiGli studenti dell’Istituto alberghiero “Ruggero Bonghi” di Lucera si sono aggiudicati il premio “migliore impresa Ja Puglia” alla Fiera Regionale di Impresa in Azione svoltasi nei viali della Nuova Fiera del Levante di Bari. Il progetto presentato dai ragazzi di Lucera ha conquistato tutti: un bicchiere in grando di rilevare la presenza di droga nei cocktail.

47 progetti presentati da 1200 ragazzi e ragazze delle classi terze e quarte degli istituti superiori pugliesi che, mercoledì 22 maggio, hanno partecipato alla finale regionale a cura del progetto Impact Hub Bari. I primi due progetti selezionati, quello degli studenti di Lucera e la mini serra automatizzata per creare un orto domestico a cura dei ragazzi dell’Istituto tecnico settore industriale “E. Fermi” di Francavilla Fontana, rappresenteranno la Puglia al Biz Factory di Milano, la finale nazionale di Impresa in Azione in programma i prossimi 3 e 4 giugno.

Bubble Ja, questo il nome del progetto degli studenti di Lucera; un bicchiere in grado di rilevare la presenza di droghe come GHB o Ketamina nei cocktail che i ragazzi sono soliti bere nei locali e nelle discoteche. Ideato dagli studenti della 4°D dell’alberghiero di Lucera, questo bicchiere è realizzato in resina epossidica alimentare, non tossica, per rispettare l’ambiente. Tramite una cartina applicata sulla parete del bicchiere, è possibile individuare l’eventuale presenza di sostanze stupefacenti presenti nel cocktail servito.

Fonte: telebari.it

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore
redazione

Redazione Lucera.it

Lascia un commento