M’Arrecorde – I Cunde : “SCATOZZE” (SCATURZE)


Ascanio IlicetoQuesta nuova sezione della rubrica “M’ARRECORDE” riguarda le favole, le leggende, le piccole novelle e le storielle che una volta venivano tramandate per via orale e che in dialetto lucerino sono chiamate i “CUNDE”. Questi racconti ci riportano ad una civiltà rurale e a una famiglia patriarcale, ad un’epoca che non esiste più. Quando noi eravamo bambini e prima di noi le altre generazioni, nelle sere d’inverno, i nostri nonni o i nostri genitori ci facevano sedere intorno al braciere (u vrascìre) o al camino (u fucarile) e ci narravano queste novelle spesso piene di valori umani e principi morali. Spero che questi racconti facciano avvicinare i più giovani e i meno giovani ad un’epoca che ormai non esiste più ma piena di significati e al dialetto della nostra cara e amata terra natale: LUCERA.

I CUNDE
SCATOZZE” (SCATURZE)’

scaturzeScatozze ére nu povere crestijane, videve e senza figghje, abbetave nda ‘na casuccèlle fore u pajése.

A quilli timbe, i bbesugne se facévene nd’u candre ca doppe se svagandève quanne passava ‘a carrate.

Scatozze, mmece, arapéve ‘a purtecèlle arréte a case e facéve i bbesugne suje fore pecchè se truvave ammizze a’ cambagne.

Na vóte se sscetaje de notte pe nu forte delore ngurpe pecché s’avéve magnate i fasule e seccóme i scappave da cacà, se feccaje u cavezóne, i scarpe e ‘a cammise e arapije ‘a purtecèlle de rète.

A scurde, doppe quacche passe, se calaje u cavezóne e se mettìje a cacà.

Fenute u bbesugne, tramènde s’abbuttunave u cavezóne, sendìje l’àreje ca se muuève atturn’atturne e vedìje, vune, doje, trè ombre c’assemegghjavene a vécchije sdréghe.

I capille se ngrefeliajene p’a pavure, Scatozze i vedìje ca ggeravene atturn’atturne a isse e i sendìje ca decévene: “Sòttacque e sòtt’a vvinde, te purtame sòtt’a noce de Bbenevìnde!”.

Quillu povere crestijane se truuaje sott’a “Noce de Bbenevìnde”, ndo stéve nu rutille de sdréghe ca facévene i maggìje.

Subbete i sdréghe accumenzajene a bballà atturn’atturne a Scatozze e chi ce dève nu recchjale, chi nu pìzzele e chi u rangecave. Tutt’anzime decévene: Bballe, bballe, Scatozze!”.

U povere crestijane accumenzaje a zumbà cume ‘na scigne e i sdréghe, che se stévene devertènne, decìjene: Scatò, dicce ‘na strufétte: facce rire!”.

U puurille p’a pavure accumenzaje a dì:

Ije songhe Scatozze

e bballe quande pozze:

s’arrìve a sfuje a sti taccarate

nen cache cchjù fore ‘a notte!”.

I sdréghe rerènne a sckattarèlle pe quella truuate, se mettijene a llucculà: “Stà bbéne a Scatozze! Evviv’a Scatozze!”.

E cundente che avévene rerite de guste, recetajene tutt’anzime: “Sòttacque e sòtt’a vvinde returne a case da Bbenevìnde!”.

Accussì Scatozze, se truuaje arréte a case suje ch’i vrachè mmane.

Trasije nda case, nzerraje a porte e se mettije ndò litte c’a frève.

A matin’apprisse, s’agavezaje priste e jij’accattà u candre pe nen jì cchjù a cacà fore de notte.


SCATOZZE (SCATURZE)

Scatozze era un povero cristiano, vedovo e senza figli, abitava in una casetta alla periferia del paese.

A quel tempo, i bisogni corporali si facevano nel vaso da notte che dopo si svuotava quando passava il carro per la raccolta dei liquami.

Scatozze, invece, apriva la porticina dietro la casa e faceva i suoi bisogni fuori perché si trovava in mezzo alla campagna.

Una volta si sveglio di notte a causa di un forte dolore di pancia perché aveva mangiato i fagioli e siccome gli scappava di defecare, s’infilò il pantalone, le scarpe e la camicia e aprì la porticina di dietro.

Al buio, dopo qualche passo, s’abbassò il pantalone e si mise a fare i suoi bisogni.

Finito il bisogno, mentre si abbottonava il pantalone, sentì l’aria che si muoveva intornoe vide, una, due, tre ombre che sembravano vecchie steghe.

I capelli si rizzarono per la paura, Scatozze le vide che giravano intorno intorno a lui e le sentì che dicevano: Sotto la pioggia e sotto il vento, ti portiamo sotto l’albero di noci di Benevento!”.

Quel pover’uomo si trovò sotto l’albero di noci di Benevento, dove stava un cerchio di sdreghe che facevano magie.

Subito le sdreghe incominciarono a ballare intorno a Scatozze e chi gli dava uno schiaffo, chi lo pizzicava e chi lo graffiava. Tutte insieme dicevano: “Balla, balla, Scatozze!”.

Il povero cristiano incominciò a saltare come una scimmia e le sdreghe, che si stavano divertendo, dissero: “Scatò, dicci una barzelletta, facci ridere!”.

Il pover’uomo per la paura cominciò a dire:

Io sono Scatozze

e ballo quanto posso:

se arrivo a scampare a queste batoste

non caco più fuori la notte!”.

Le sdreghe risero a crepapelle per quella battuta, si misero a gridare: “Sta bene a Scatozze! Evviva Scatozze!”.

E contente che avevano riso di gusto, recitarono: Sotto la pioggia e sotto il vento, ritorna a casa da Benevento!”.

Così Scatozze, si trovò dietro casa sua con le brache in mano.

Entrò in casa, chiuse la porta e si mise a letto con la febbre.

La mattina dopo, si alzò presto e andò a comprare il vaso da notte per non andare più a defecare fuori di notte.

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

Ascanio Iliceto nella sua rubrica "M’ARRECORDE" ha raccolto detti, proverbi, racconti, giochi di una volta e poesie (proprie o di Enrico Venditti) in lucerino [biografia]

Lascia un commento