Angolo della poesia dialettale lucerina: ” ‘A GRANEZZOSE” di Enrico Venditti


Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.

Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

Qui di seguito, la poesia

granazzose“ ‘A GRANEZZOSE” di Enrico Venditti

Nen c’è che ddì.
Ére ‘na bbèlla stacche ‘ccussì ‘nghjuppate e che nu musse russce cume e nu timbre de ‘na ceralacche.
Ma quanne a smercijave ammizze u strussce nen déve rètte.
Cume e ‘na reggine jéve sèmbe c’a puzze sotte u nase.
Nne reréve, guardave a ase a ase, ma se vutave cu nu surdelline.

TRADUZIONE LA SUPERBA
Non c’è che dire.
Era una ragazza vistosa così formosa e con le labbra rosse come un timbro di ceralacca.
Ma quando la guardavi in mezzo allo struscio non dava retta a nessuno.
Come una regina camminava sempre con la puzza sotto il naso.
Non rideva, guardava appena appena, ma si girava con un sibilo.

COMMENTO
L’avvocato Venditti con poche pennellate dipinge il ritratto di una ragazza che fa la preziosa. Con l’ultimo verso la cancella. Una poesia, com’è nel suo stile, asciutta e chiara.

 

Una Rubrica di
Lino Montanaro & Lino Zicca

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento