Angolo della poesia dialettale lucerina: ” ‘A STRÈTTE CIACIANÈLLE” di Lella Chiarella


Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.

Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

Qui di seguito, la poesia

“ ‘A STRÈTTE CIACIANÈLLE” di Lella Chiarella

foto by foggiatoday

‘A strètte Ciacianèlle assemègghje a ‘na fèmmene ‘ndiste, mbecciannare e peccenènne.
Ne ‘mbare luére.
Na strade ndò sule nu crestijane a àse àse ce trase, cum’e Turnesèlle de Fogge, tutte quande a canoscene. ‘Na vote a i copie mandenéve ‘a luce, e pizzele, abbrazze e vase ‘nzene stepave.
P’a precessione d’Auste se ‘nciaccianave de cupèrte de séte; e, quanne ‘a Madonne p’a chiazzètte passave, u megghje sguarde ce sciuppave.
Ogge u munne è cagnate e u lebbrètte de cerculazione tènene i nnammurate.
Ciacianèlle che fà?
Accorce i passe a gènde chè mo’ va sèmbe fujènne.
Che tutta a bbona vulundà, ‘na suddesfazione sole angore ‘nze pò luuà: vedè passà ‘na machene!
Ma furbe, quelle, u saje che va decènne? “Sti bbésteje so’ male razze.
L’areje te fanne fetènde e de malanne te jenghene.
Da mè ànna stà da rasse!”.
‘A gatte ‘mbò arrevà a u larde e dice ch’è de grangede.

LA STRETTA DI CIACIANELLE
La stretta di Ciacianelle è simile a una donna perspicace, impicciona e piccolina.
Non sembra vero.
Una strada dove solo una persona a fatica ci passa, come “Turnesèlle” di Foggia, tutti quanti la conoscono.
Una volta alle coppiette reggeva il moccolo, e pizzicotti, abbracci e baci in seno conservava.
Per la processione di Agosto si adornava con coperte di seta; e, quando la Madonna per la piazzetta passava , il migliore sguardo strappava.
Oggi il mondo è cambiato e il libretto di circolazione hanno gli innamorati.
Ciacianelle che fà?
Accorcia la distanza alla gente che ora va sempre di corsa.
Con tutta la buona volontà, una soddisfazione solo ancora non può togliersi: veder passare un’automobile!
Ma furba, quella, lo sai cosa va dicendo?
Queste bestie sono di mala razza, inquinano l’aria e ti fanno ammalare.
Da me devono tenersi lontano!”
La gatta non può raggiungere il lardo, e dice che puzza.

COMMENTO
Una bella poesia di Chiarella. Dà un’anima al vicolo Ciacianelle che in un punto è talmente stretto ove a stento ci passa una persona. Un vicolo che conservava con discrezione le carezze e i baci fuggitivi di giovani innamorati; mentre oggi i giovani si ritrovano negli spazi stretti delle auto. Un vicolo che si vestiva a festa per salutare la madonna in processione ad Agosto. Un vicoletto caratteristico, forse, famoso in tutto il mondo. .

Una Rubrica di
Lino Montanaro & Lino Zicca

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento