Angolo della poesia dialettale lucerina: “SÉRE D’ESTATE” di Ascanio Iliceto


Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.

Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

Qui di seguito, la poesia

estate“SÉRE D’ESTATE” di Ascanio Iliceto
Tramènde u sóle calave arréte i mundagne, i crestijane turnavene d’a cambagne, ch’i facce senghijate e arze, sópe i trajíne, dope ‘na jurnate de fatighe nda vigne.
Nu papanonne, c’u cappille ngape e mmocche nu mizze sighere, stéve assettate chi spalle o múre, appujate o bbastóne e stéve citte e mupe.
‘Na cuppjètte, èss’annanze e isse arréte, jévene rasénde rasénde i suttane e pe fà vedè ca nen se canusscévene facévene finde de guardà i chianghette.
Nda vije i lambiúne s’appecciavene e pe fà trasì l’àreje se spalazzavene i vetrine.
I schernuzze s’appecciavene e se stutavene e i sperdacchjúne asscévene da i tane.
I fèmmene de case stèvene a rutille, annanze i porte o arréte i vetríne apèrte, se sciùssciavene ch’i vendaglje d’a fèste e se magnavene seménde e salatille. Núje uagliúne jucavame ammizze a strade, a mazz’e ppíveze e a zombapilapile e i femmene jucavene a vrèccele e javame a fundane ógn’e ttande. Nzengrijate da i grusse se facévene i gare tra ‘a strade Mosche e ‘a Madonna Libbere.
Se stabbelévene i patte e i ggire e doppe se abbijave a corre.
Se curréve a scaveze, cúm’e mmatte, facènne de tutte pe fà vènge ‘a strade.
Quanne stéve p’arrevà o traguarde, se sendéve ‘a voce de mamme ngazzate.
“ Scaniù, va’ pigghje l’acque a mamme.
Va’ a fundane, de Sanfrangische pecché è cchjù frèsscke e sapríte mmocche”.
“Azze, ma tocche sèmbe a mme?

TRADUZIONE SERE D’ESTATE
Mentre il sole tramontava dietro le montagne, gli uomini tornavano dalla campagna, con le facce segnate e bruciate, sopra i carretti, dopo una giornata di lavoro nella vigna.
Un vecchio, con il cappello in testa ed in bocca un mezzo sigaro, stava seduto con le spalle al muro, appoggiato al bastone ed era in silenzio, muto.
Una coppietta, lei davanti e lui dietro, camminavano vicino vicino ai sottani e per far vedere che non si conoscevano facevano finta di guardare le basole.
Nella via i lampioni si accendevano e per far entrare l’aria si spalancavano le vetrine.
Le lucciole si accendevano e si spegnevano e i pipistrelli uscivano dalle tane.
Le casalinghe stavano in cerchio, davanti le porte o dietro le vetrine aperte, facevano vento con i ventagli della festa e mangiavano sementi di zucca e lupini.
Noi ragazzi giocavamo in mezzo alla strada, alla loppa (mazza e mazzella) e alla cavallina e le ragazzine giocavano a sassolini e andavamo alla fontana ogni tanto.
Insinuati dai grandi si facevano le gare tra la strada “di Mosca” e la Madonna della Libera.
Si stabilivano i patti e i giri e dopo s’iniziava a corre.
Si correva scalzi, come matti, facendo di tutto per far vincere la strada.
Quando stavo per arrivare al traguardo, si sentiva la voce di mamma arrabbiata:
Ascanio, vai a prendere l’acqua a mamma. Vai alla fontana, di San Francesco perché è più fresca e saporita in bocca”. “Mannaggia, ma tocca sempre a me?”.

COMMENTO
I versi di Ascanio Iliceto tratteggiano una sera d’estate con luoghi, soggetti e fatti di tempi passati. Il ritorno dei lavoratori dai campi, l’anziano che guarda in silenzio il passare del tempo, le mamme che si riposano sull’uscio di casa, i ragazzi e le ragazze che giocano a giochi che non ci sono più. Un disegno dalle tinte, forse, intrise di nostalgia.

Una Rubrica di
Lino Montanaro & Lino Zicca

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento