Sfogliando – Detti e Contraddetti…così per dire: “VÁCHE A FFÀ ‘A SPÈSE AMMIZZ’A CHJÁZZE”


I proverbi e i modi di dire lucerini sono tanti. Di solito la loro origine è lontana e frutto di culture passate. Molto spesso hanno alle loro spalle un riferimento ben preciso, ovvero una storia e un significato, che non molti conoscono, dato che si tratta di detti appartenenti alla tradizione, alcuni scomparsi e altri poco in uso. Allora, non è mai troppo tardi per riproporli e questa rubrica offre un’opportunità piacevole, e speriamo interessante, per saperne di più.

” VÁCHE A FFÀ ‘A SPÈSE AMMIZZ’A CHJÁZZE”

1910-Piazza-Mercato-Collezione-di-A.-Testa-1

foto collezione di A. Testa sito luceranostra.it

Traduzione: (Vado a fare la spesa in Piazza del Mercato).

Significato: “Momento particolare della giornata fatto di acquisti al mercato e di relazioni interpersonali e sociali“

Curiosità:  “Il ricordo delle bancarelle del mercato di “ AMMIZZ’A CHJÁZZE “ ci riporta alla mente momenti di vita passata. Il mercato di Lucera era fatto da molti banchi di frutta, di verdura e di pesce; un angolo della città fatto di odori e di colori come in un affresco. Ed è stato per tanto tempo la fucina della cultura culinaria e della gastronomia lucerina, Ogni giorno, ogni mattina, decine e decine di massaie lo frequentavano e si disperdevano fra i banchi, posti ordinatamente sulla piazza, alla ricerca di merce buona e di qualità, che costasse poco. Il mercato era il punto di aggregazione, incontro e socializzazione; per le nostre mamme andare al mercato era come ritagliarsi un momento per sé per incontrare l’amica e spettegolare sui fatti e storie cittadini. C’era un rapporto diretto tra i clienti e i commercianti, fatto di conoscenza, quotidianità e simpatia, con una varietà di contradditori e di voci che si udivano in ogni stagione: Víde quánd’è bbèlle sta rúchele…. ógge ve mmagnáte cicatille p’a rrúchele d’u Castille!……A qquànde vánne ‘i patáne stammatìne?…..’Mizze chine ‘na lire.. sò accussì bbèlle che i puje fà o fúrne che l’agnìlle….Pegghjete púre sta checozza rossce e fà patáne c‘u bbaccalà!!!…’I peparúle sò doce e rrússce, sò bbèlle túste ttúste…. ‘I fenúcchje sò pecceninne e tenere… Dámme ‘na grambáte de fenucchiette!!… Damme ‘na fronne d’accetille p’u bbròde!.. Nne mme trove mánghe ‘na fronne d’acce ..Segnò ógge i cardúne sò da magnà che l’úglje e u sále…Accattateve stì jéte de cambágne p’affenà ‘u sanghe…Segnò pigghjete stì catalogne fánne bbùne o’ fegate …. Sti cepolle.sò janghe, rossce e longhe….. Dámme ‘na fronne de vasenecole e de petrusíne!! Íje ’na ddore de vasenecole e de putrusínne.à reijále sèmbe ..Tènghe ‘a nzaláte accappucciáte…Segnò víde sti pemmedóre prunille cúme sò bbèlle e pprufumáte, che púje ffà nu ragù che pode jὐ annánze a nu rrè!!!!!….Ténghe púre ‘i pemmedóre sammarsále e quìlle virde pe ffà ‘a a nzaláte!…. Dámme duje mázze de scarciofele, l’agghja fà arraganáte!.. Vide che checuzzille da ffà fritte nduráte! Dámme nu manucchje de sparege!! …… Ou… jie ténghe i purtuuále grússe e zecúse…sò i uasscindónne… Nu chine ‘na lire …Cúme sì carestúse!…. Segnò…‘i pertuuálle mije sò bbèlle e saprete, sò sána maláte ….. Meh, fa bonpíse e dammene ‘nu chine…..Quande so’ bbèlle i mandaríne! Capáte, capáte!…ógge putete capà!… Sti melèlle te zombane ‘mbacce….sò quille de Sandandoneje….I melúne sò chjéne de zucchere….Ténghe u bbaccalà da mètte a mmúlle!…Cìveze jánghe e cìveze russce! Ténghe l’ùue a mménne de vácche, ùue prufumáte, ùue marchése, ùue reggíne e ùue cardenále …. !….Accattateve nu scartoffeje de sárde, de líce, de soglje, de trèglje, de crugnalètte, de pulpetille, che u pessce míje éje accussì frisscke se pote magnà a la crudigne…. Segnò a ndò te l’agghja mètte stu pèssce?…Óva fresscke, óva fresscke!… Ógge ‘i ciammaruchelle so a la núta sènza carrozze!…. Dámme doje mesúre de ciammaruchèlle….Ai nostri giorni di questo mercato è rimasto solo il ricordo ”.

Rubrica di Lino Montanaro & Lino Zicca

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento