Sfogliando – Detti e Contraddetti…così per dire: “ÓGGE SÍME DE MERCÁTE”


I proverbi e i modi di dire lucerini sono tanti. Di solito la loro origine è lontana e frutto di culture passate. Molto spesso hanno alle loro spalle un riferimento ben preciso, ovvero una storia e un significato, che non molti conoscono, dato che si tratta di detti appartenenti alla tradizione, alcuni scomparsi e altri poco in uso. Allora, non è mai troppo tardi per riproporli e questa rubrica offre un’opportunità piacevole, e speriamo interessante, per saperne di più.

” ÓGGE SÍME DE MERCÁTE “

Traduzione: (Oggi siamo di mercato).

Significato: “il mercato settimanale (del mercoledì per i lucerini e di giorni diversi per abitanti di altri paesi) è stato sempre considerato come un incontro tradizionale e luogo di condivisione, rappresentando un importante polo di attrazione commerciale”.

Curiosità: “Il mercato del mercoledì, da sempre presente a Lucera, si svolgeva nel quartiere di Porta Croce, era fino agli 60’ e ’70 un appuntamento imperdibile. In via Mazzini e vie limitrofe, disposte su entrambi i lati delle strade, decine di bancarelle esponevano mercanzie di ogni genere: abiti, scarpe, lampadari, tessuti, tende, ecc. C’erano anche le bancarelle dei generi alimentari, dove si vendevano salame, mortadella, lardo, mozzarelle, provolone, ventresca e salciccia e quelle che vendevano articoli per la casa. “ Segnò, segnuríne éje ‘a júrnata bbòne p’accattà a rrobba bbèlle…N’abbádate e’ solde…Pe sckitte na líre ve dènghe ‘nu servizzije de piatte d’a dudece anzime a ‘na zuppire da purtáte c’u cuuirchje e, me vogghje ‘rruunà, ve dènghe púre nu servizzije de bbucchíre de víne d’a dudece. Ogge me truuáte ‘mbriache. E si v’i ccattate a ffíle ritte, ce mètte anzíme nu servizzije de tazze p’u cafè ch’i ppiattíne da séje…A qquà n’ze dicene papocchje, accáttate, accáttate che Sanda Mareje ogge ‘a ffatte ‘a grazzije….” C’erano anche venditori de “ i cènge amerecáne “, così chiamati perché alla fine della seconda guerra mondiale, gli americani, oltre a portarci in dono bombe in quantità industriale, seppero farsi valere anche nell’opera di aiuto alle popolazioni vinte, distribuendo tra l’altro anche una marea infinita di roba usata, dando vita ad un fiorente mercato che anche negli anni 60’ era ancora vivo. “Capate, capate, ógge putete capà, a qquà ve vestúte d’a cape a píde e sparagnate facénne ‘nu bbèlle guadagne… Segnò quìlle reggipètte éje jjúste júste ‘a mesúra túje…Maritete quanne tu vedè i ggire ‘a cape de sópe e de sòtte…..Quìsti sò vestúte ffatte e bbùne e chi u véne a sapè che l’è truuvate ammizz’e cènge amerecane .”

Rubrica di Lino Montanaro & Lino Zicca

Mercato Porta Croce, Lucera

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento