Angolo della poesia dialettale lucerina: “‘A BONANEME”, poesia di Enrico Venditti


Enrico Venditti, poeta LuceraPoesia di Enrico Venditti:

‘A BONANEME

Quanne muriie Peppenélla a ciucca,
m’haja créde, fui nu lutte ‘ntà famiglje.
Muugghjèreme pe quell’anemaluccia
ce stravedeva come pe na figlie.
Appène ca sunave Matutine,
a guvernave e pò l’abbuvurave.
Quella a ciucce, mèttenese ‘ncamine,
cume pe salutarle, spetitiave.
Quanne ‘a séra turnávame da fore,
appène ce vedéva a tutte dduie,
éra prime pensiere a mangiatore,
e pò purtave ‘ntàvele pe nnuie.
Mo sò sule: nè ciuccia, nè mugghjère.
N’nta casa miie è fenute ogne priezza
Susperanne me guarde, quanne è a sére,
nu vestite da spose e na capèzza.

TRADUZIONE:
La buonanima
Quando morì Peppenella l’asina,
mi devi credere, fu un lutto in famiglia.
Mia moglie  quell’ animale piccolo
l’adorava come una figlia.
Appena  suonava la campana del mattutino,
la governava e poi l’abbeverava.
Quella, l’asina, mettendosi in cammino,
come per salutarla, scorreggiava.
Quando la sera tornavamo dalla campagna,
appena ci vedeva entrambi,
il primo pensiero era la mangiatoia,
e poi finalmente portava in tavola per noi.
Ora sono solo: senza asina, senza moglie.
In casa mia non c’è più nessuna gioia.
Sospirando io guardo, quando viene sera,
un vestito da sposa e una cavezza.

COMMENTO:
L’avvocato Venditti, con questa poesia, dalla scrittura snella e incisiva, ci tratteggia un quadro della vita contadina. Le attenzioni della moglie per l’asina erano attenzioni per suo marito. Accudire l’asina significava mantenerla in vita il più a lungo possibile e ciò significava meno fatica per suo marito. Infatti, il contadino soffre per la scomparsa della moglie della sua asina, parlando di una casa senza gioia

Una rubrica di Lino Montanaro e Lino Zicca

BIOGRAFIA DI ENRICO VENDITTI

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento