Tantannarrète, poesie di Enrico Venditti: “A SANTA NOTTE”


Enrico Venditti, poeta LuceraPoesia di Enrico Venditti:

A SANTA NOTTE

San Gesèppe c’a Madonna,
jènne spirte tutt’a notte,
truvà, a gase a gase, ponne
‘u recitte nd’a na grotte.
Va p’u cile ‘a bbona nove
ca ‘u Bommine lla mò è nate.
Tutte e trè nu ciucce e ‘u vove
scalefèjene c’u fiate.
A Madonne U tène ‘nzine,
l’arravogghje dint’u scialle;
accussì ‘nzènde u Bommine
fridde e ùmede d’a stalle.
Arrevate sò i pasture,
che na stèlle, a quèlla grotte;
tutte portene a u Criature,
chi n’aiinielle, chi a recotte.
E po’ doppe, da lundane,
trè Regnante ch’i rriale.
N’ammujine de campane
dice a u munne ch’èja Natale.

TRADUZIONE
LA SANTA NOTTE
San Giuseppe con la Madonna,
andando in giro tutta la notte ,
trovare, a stento, possono,
una sistemazione in una grotta.
Si sparge in cielo la buona novella
che il Bambino  lì adesso è nato.
Tutti e tre da un asino e un bove
sono  scaldati con il fiato.
La Madonna Lo tiene al seno,
lo avvolge in un scialle;
così non sente il Bambino
il freddo e l’umido della stalla.
Arrivati sono i pastori,
con una stella, a quella grotta;
tutti portano al Bambino,
chi un agnello, chi la ricotta.
Più tardi, da lontano,
tre Re, con i regali.
Un’ allegria di campane
annuncia al modo che è Natale.

COMMENTO:
L’avvocato Venditti, con chiarezza di linguaggio e poche parole, ci consegna versi delicati che raccontano la notte di Natale, la nascita di Gesù, l’ambiente in cui è venuto al mondo, il suo riconoscimento da parte degli umili e dei potenti. E l’allegria che il mondo vive per la buona novella.

Una rubrica di Lino Montanaro e Lino Zicca

BIOGRAFIA DI ENRICO VENDITTI

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento