Tantannarrète, poesie di Enrico Venditti: “PASQUABEFANIE”


Enrico Venditti, poeta LuceraPoesia di Enrico Venditti:

PASQUABEFANIE

Quanne arapije i scartoffie d’i Re Magge,
quille, u Bommine, se mettije a chiagne.
Bèll’accugliènze doppe tanta viagge
pe mare, pe tratture e pe muntagne!
U Patre e a Mamme, tutte vergugnuse,
‘nzapèvene addò mètte, tanne, a facce.
Decìrene: “ Maistà, cercàme scuse
si quille ce fa fà sta feguracce!”.
E po’ doppe, p’accujatà u Bommine:
“ U viede? ce sta ‘ngienze…l’oro…a mirre…
pecchè mò vuje fa tutte sti petirre?”.
Quille a strepetà pègge de prime:
“ Quiste i ‘rriale a Pasquabefanie?
Si vuje n’ata vote nen purtate
crùstele, mustacciule, pupurate
nen ce jate vènenne a qquèsta vije!”.

TRADUZIONE
Festa dell’Epifania
Quando aprì i regali dei Re Magi,
Gesù Bambino si mise a piangere.
Bella accoglienza, dopo tanto viaggiare
per mare, strade di campagna e montagne!

Il Padre e la Madre, rossi di vergogna,
non sapevano, in quel momento, dove mettere la faccia.
Dissero: “Maestà, chiediamo scusa
se il Bambino ci fa fare questa figuraccia!”.

E dopo, per calmare il Bambino:
“ Li vedi? C’è l’incenso … l’oro … la mirra …
perché adesso ti fai venire tanti nervi?”.
Ma il Bambino strepitò peggio di prima:

“Questi sono i regali per l’Epifania?
Se voi la prossima volta non portate
crustole, mostaccioli, pupurate
non venite più da queste parti!”.

COMMENTO

L’avvocato Enrico Venditti, con la sua tipica scrittura e il tratto leggero, ci consegna una poesia di forte significato e di rara bellezza. Identifica nel Bambino Gesù i ragazzi del suo tempo, i quali si accontentavano di poco per sentirsi felici.

Una rubrica di Lino Montanaro e Lino Zicca

BIOGRAFIA DI ENRICO VENDITTI

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento