ASPETTANNE ‘U NATALE


Genoveffa PapaRiceviamo e con piacere pubblichiamo una poesia di Genoveffa Papa sui giorni che precedono il Natale Lucerino.

‘U Natale s’avvecine
e nen se capissce ninde ‘nda cucine!
Síje che so’ resckarole
o sò crústele
‘a tijèlle éje pronde cu’ múste!
‘Nu ‘mmbaste da qquà e n’àvete da lla’,
‘i cavuzungille e ‘i pupurate sanna fà!
Si tutte sti delizzeje vúje magnà,
‘a cucine pe fforze l’éje llurdà!
Nen ce ne scurdame  ‘a tradezzióne,
‘di lenguine e ‘u capetone,
‘U baccalà chi vrucchele stufate,
‘a furnacèlle c’u fúche appecciate!
I pizzefritte n’ànna mangà
si ‘a tradizzione vúje respetta’!
‘U Natale s’avvecine,
bbona fateghe a ‘i fèmmene lucèrine!

Gepa (Genoveffa Papa)

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento