Gabriele Patruno premiato a Milano per le sue poesie in vernacolo lucerino


Il lucerino Gabriele Patruno, autore del libro “La Tac dell’anima” e di numerosi altri scritti e poesie è stato premiato a Milano dall’Associazione Culturale Unicamilano – Torneo Unicamilano 2017 – 4^ Edizione come “Vincitore Assoluto” della Poesia in Vernacolo.

Il concorso letterario tenutosi in due sezioni il 6 e 13 ottobre scorsi a Milano,  ha visto la partecipazione di autori da tutta Italia sia per poesie in italiano che in vernacolo.

La vittoria è stata determinata dal punteggio più alto (18 punti) ottenuto dalle poesie di Patruno in vernacolo lucerino: “‘A  PUVERTÁ“, ” “U   LUMMAFÚCHE” .

Una grande soddisfazione per questo successo ottenuto in una terra di dialetti così diversi dal nostro” – ci riferisce Gabriele Patruno premiato da Sergio Terzi (in arte Nerone, presidente della giuria ed affermato artista milanese) con la seguente menzione “Conoscenza del gergo, utilizzo accorto della rima baciata, attenzione alla metrica dell’opera fanno dell’autore un attento esploratore di uno spaccato delle tradizioni a lui più care“.

Premiazioni con menzioni d’onore anche per il libro “La Tac dell’anima”, per “U Crucefiss (poesia religiosa) e per altre poesie in italiano della nuova raccolta.

Vi proponiamo le due poesie vincenti.
gabriele_patruno

A PUVERTÁ

Tande éve sicche che i panne ngúlle

parévene cammenà da súle,

nno pe ninde u chiamavene Sènzacúle.

Ogne matíne jéve a fategà che ‘nu zammíne apparecchjate,

arrevate mezzejurne s’appartave

e se ne jéve a magnà a súle a ssúle.

U patrúne nen ce putéve ésse da sope,

e ‘nu jurne jije a sbercià, pe capì

che se magnave de cussì ssapríte ammeccjúne.

Ate che cumbanagge speciale,

dinde o taschèppane stéve súle ‘nu matóne!

Quanne arrevaje u mumènde,

u chiamaje nzégréte e i diceje:

Peppenì, spartimece stu pane e frettate,

tu fatighe…u sacche vacande nze mandène alèrte.

Respunnije quille che l’ucchje lucide:

Luuigì, ‘a case tènghe sèje figghje,

e ije m’agghja sparagnà a magnà.

LA POVERTÁ

Era così magro, che i panni indossati/pareva camminassero da soli, /non a caso lo chiamavano Senzaculo./Ogni mattina andava a lavorare con una bisaccia riempita, giunto mezzogiorno, si appartava/ed andava a consumare il pasto tutto solo. /Il padrone non riusciva a spiegarselo,/ed un giorno andò a sbirciare, per capire/cosa mangiava di così saporito di nascosto./Altro che companatico speciale,/nel tascapane vi era solo un mattone./Quando arrivò il momento,/chiamatolo con discrezione gli disse:/Peppino, condividi il mio pane e frittata,/tu lavori…, un sacco vuoto non si mantiene in piedi./Rispose questi con gli occhi inumiditi:/Luigino, a casa ho sei figli,/ed io mi devo sacrificare nel mangiare.


U LUMMAFÚCHE

U chiame fiammifere, prospere o zulufarille,

rumane sèmbe nu cusarille,

nu zippere únde a zzùlefe nd’a capocchje,

na nvenzióne che pare ‘na papocchje,

ma si nn’u tìne nen te púje arrabbattà:

a cavedare stutate nen te face magnà

cerogene e llúme nn’i púje appeccià,

pippe e zecarle nen se ponne smucchijà

a caravunèlle nd’o vrascíre nen te scaleféje

e si se spèzze te pure bbabbijéje.

Stu raffrùnde nen t’adda parì strane,

assemègghije ‘a víte d’i cristijane

na sola vote u puje usà

e l’è púra sapè fà.

Quanne u ppìcce reparele da u vínde,

arrassasíje nu rèfele e nen te rumane ninde.

 

Il LUMAFUOCO

Lo chiami fiammifero, prospero o zolfanello,/rimane sempre un cosarello,/uno stecchetto bagnato a zolfo nella capocchia,/un’invenzione che sembra una papocchia/ma se non lo hai non ti puoi arrabattare:/la pentola spenta non ti fa mangiare,/candele e lumi non puoi accendere,/pipa e sigaro non puoi fumare,/la carbonella nel braciere non ti riscalda,/e se si spezza resti pure gabbato.

/Questo confronto non ti sembri strano,/assomiglia alla vita delle persone,/una sola volta lo puoi usare /e lo devi anche saper fare./Quando lo accendi riparalo dal vento/lontano sia un refolo e non ti resta niente.

gabriele_patruno_premio

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento