Sti quatte mure ‘mbalate


Riceviamo e con piacere pubblichiamo una poesia di Genoveffa Papa
dedicata alla Fortezza Svevo-Angioina di Lucera.

Castello di Lucera‘O Salvatore,locca locche,me sò abbeijate…
sotte a mureije da croce magghije assettate e…
l’ucchije meije se sò perze ndà na vutate…
nen pozze dì che eije cagnate checchecose…
quille che stace a là, nda sechele a stessa manore repose…

ma quanne iette l’ucchije ‘mbacce a sta furtezze…
dinde de me nasce sembe na nova priezze…
s’allarghe ‘u core penzanne a che teneme…
a storije che ciàcconde, nen sembe a sapeme…
me ‘mmagene battaglije, ndreghe e trademende…
amore, comblotte e feremende…
sale ‘mbandete d’ogne bene de Deije…
e pò…tanda caresteije…
cundinue a guardà quistu spettacule…
 eija veve…te parle…eije nu meracule !

GePa

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento