Dialettando 23 – Modi di dire Lucerini


Lino Montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 23

A Lucera non si dice “Ti sei perso per un’ inerzia” ma si dice
– ” E’ FATTE ‘A FINE D’U FESSE

A Lucera non si dice ” E’ meglio intendersi “ ma si dice
– ” NZONGHE FÈSSE MA FAZZE ‘U FÈSSE, PECCHÈ FACÈNNE ‘U FÈSSE TE FAZZE FÈSSE

A Lucera non si dice ” Quella, anche se si dice nubile, è più sposata di me!!! ” ma si dice
– “ QUÈLLE ÉJE SEGNURÌNE CUM’È ME!

A Lucera non si dice ” Ha un’eccessiva avidità di cibo ” ma si dice
– ” SE FACIARRIJE ACCIDE P’A VOZZE

A Lucera non si dice ” E’ una persona che ti causa uno stress ” ma si dice
– “ ÈFESSE E CHE CENTRÒNE…..È PÈGGE DE ‘NA ZÈCCHE!!!!

A Lucera non si dice “ I soldi dell’avaro saranno dilapidati dal suo discendente “ ma si dice
– “ ‘I SOLDE D’U VUSURARE SI FRECHE ‘U SSCIAMPAGNONE

A Lucera non si dice “ Parenti acquisiti “ ma si dice
– “ ‘I NÓRE, ‘I JÍNERE,’I CAJENATE SONNE CARNE AGGIÚNDE

A Lucera non si dice ” Cosa c’è da guardare? ” ma si dice
– ” OU…CHE TÌNE DA GUARDÀ……CHE TENGHE ‘A FACCE LORDE?

A Lucera non si dice ” Due persone di carattere profondamente diversi..” ma si dice
– ” PARENE ‘U DIAVÙLE E L’ACQUA SANDE!

A Lucera non si dice ” Hai sempre voglie o desideri strani!! ” ma si dice
– “ E CHE CACCHJE….. PARE ‘NA FÈMMENE NGINDE!!

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

La foto scelta per la copertina di questo articolo è opera di Leonardo Del Gaudio che ringraziamo per il prezioso contributo.

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento