Dialettando 5 – Modi di dire Lucerini


Lino MontanaroNuovo appuntamento con “Dialettando”, la rubrica di Lino Montanaro che propone modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 5

A Lucera non si dice “Non ti calcolo proprio” ma si dice
– “NDE SPUTE NFACCE PE NEN MBRUFUMARTE….

A Lucera non si dice “Fa le cose in maniera così indolente da compromettere il risultato finale” ma si dice
– “FACE ‘I CÓSE ‘A MUZZECHE E PETAZZE

A Lucera non si dice “Bisogna avere prudenza nel parlare” ma si dice
– ” ‘I PAROLE SONNE COME ‘I CERÁSE: NE PIGGHJIE VÚNE, NE VÉNENE CINGHE

A Lucera non si dice “Sono nervosissimo” ma si dice
– “MO ME STA VENENNE ‘A SUSTE!!!!

A Lucera non si dice “Più mangi e più lo stomaco si dilata” ma si dice
– “ ‘A TRIPPA EJIE NA PELLECCHJIE, CCHIÙ CE NE MITTE E CCHIÙ SE STENERECCHJIE

A Lucera non si dice “Sono sempre a tua disposizione!!” ma si dice
– “SI T’AVÈSSE ABBESUGNÀ CÒCCHE CCÓSE, VÌNE DA ME!!

A Lucera non si dice “Dimmi l’ora?…Perché??” ma si dice
– “CHE ORE SONNE? PECCHE’?…. TE PIGGHJIA’ ‘U PÌNELE?

A Lucera non si dice “Se hai un problema non risolverlo come se fosse un altro problema” ma si dice
– “SE TE FÈTENE ‘I PIDE, NEN TE LAVANNE ‘I MANE

A Lucera non si dice “L’amore non sopravvive alle difficoltà economiche!” ma si dice
– “QUANNE A MÉSÉRJE TRASE DA PORTE, L’AMÓRE AÈSCE D’A FENÉSTRE

A Lucera non si dice “E’ uno che dice delle cose e poi cerca di minimizzare” ma si dice
– “MÈNE ‘A PRÉTE E AMMÙCCE ‘A MANE

A giovedì 8 ottobre, con nuove pillole di saggezza popolare.

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA]

Commenta la notizia

commenti

Tags

Lascia un commento