Dialettando 58 – Modi di dire Lucerini


Lino Montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 58

A Lucera non si dice “ Sono perseguitato dalla sfortuna “ ma si dice
– “ TÉNGHE ‘A SCUMMUNECHE ‘NGULLE

A Lucera non si dice ” Perché continui a fissarmi?? “ ma si dice
– “ OU!…CHE TINE DA GUARDÀ, TÈNGHE ‘A FACCIA LORDE??

A Lucera non si dice ” Quello che non é successo, prima o poi succederà “ ma si dice
– “ L’ACQUE CHE NN’ À FATTE ‘NGILE STÀ !

A Lucera non si dice “Sta per scoppiare per la rabbia ma non reagisce “ ma si dice
– “QUILLE ABBÒTTE E STACE CITTE

A Lucera non si dice ” Rodersi il fegato “ ma si dice
– “ FA BBETTÓNE ‘NGÚRPE

A Lucera non si dice “ Con il nuovo vestito confezionato ero veramente elegante!!!! “ ma si dice
– “ ME SONGHE ACCATTATE ‘NU VESTITE FATTE E BBÙNE, AGGHJE FATTE ‘NA MAFFEJE, PAREVE ‘U PUPE DE ZACCARDE!!

A Lucera non si dice “Magari fosse questa la soluzione! “ ma si dice
– “ JIE CE METTARRJIE ‘A FIRME

A Lucera non si dice “ Che delusione! “ ma si dice
– “ME FATTE CADÉ I VRÀZZE!

A Lucera non si dice “Persona fastidiosa ed inconcludente ma si dice
– “ PARE ‘NA VOCCHE DE CIAVELE

A Lucera non si dice ” In casa comanda la moglie “ ma si dice
– “FARSE MÈTTE ‘A VUNNÈLLE ‘NGAPE

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

"Dialettando" è una rubrica di Lino Montanaro che ha raccolto prima nella sua memoria e poi in appunti, proverbi, modi di dire, espressioni tipiche lucerine, pillole di saggezza popolare, tramandate di generazione in generazione. [biografia]

Lascia un commento