Dialettando Edizione Speciale: Indovinelli Lucerini | Parte Seconda


DIALETTANDO INDOVINELLI IN VERNACOLO LUCERINO
di Lino Montanaro

16. QUANNE È CAVEDE, ÉJE FRISSKE

17. PARLE SÈNZA VOCCHE, TE PALIÈJE E NE TE TOCCHE, FÚJE SÈNZA PIDE, PASSE E NU VÍDE

18. ÉJE ‘NA NEMALE CHE CAMÌNE TENÈNNE ‘I PÍDE ‘NCAPE

19. SI U VÍDE, CÚM’ÉJE BBRUTTE! SI L’ADDURE, CÚME FÉTE! SI U’ TUCCHE, CÚM’ÉJE PPELÚSE! SI TU MÀGNE, CÚM’ÉJE BBÙNE!

20. VÈRDE NASSCE, VÈRDE PASSCE, VÈRDE MORE

21. SE GUARDE CHE L’ÚCCHJE E NZE TOCCHE P’I MMANE

22. ‘A CODE ÉJE VÈRDE E ‘A CAPE ÉJE JANGHE

23. TUTTE ‘I FÈMMENE A TÈNENE SOTTE ,CHI ‘A TÈNE SANA E CHI ‘A TÈNE RROTTE.

24. SE CAGNE‘A CCAMMÌSE SCKITTE ‘NA VOTE A L’ÀNNE

25. ÉJE ‘NA COSE LONGHE E LISCE CHE QUANNE A TUCCHE PISSCE

RISPOSTE
16.Il pane – 17.Il vento – 18. Il pidocchio – 19.Il maiale – 20.Il cetriolo – 21.L’ombra – 22.La cipolla – 23.La piega della gonna – 24.La serpe – 25.La bottiglia –

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

"Dialettando" è una rubrica di Lino Montanaro che ha raccolto prima nella sua memoria e poi in appunti, proverbi, modi di dire, espressioni tipiche lucerine, pillole di saggezza popolare, tramandate di generazione in generazione. [biografia]

Lascia un commento