E’ il geologo Giovanni Calcagnì l’ottavo Presidente del Club per l’UNESCO di Lucera


Giovanni-CalcagniE’ il geologo Giovanni Calcagnì l’ottavo Presidente del Club per l’UNESCO di Lucera. Il nuovo Presidente, entrato in carica il primo gennaio 2018, ha ufficializzato nel corso del Consiglio direttivo del 9 gennaio u.s., i nomi dei componenti il nuovo organo amministrativo dell’Associazione lucerina per il triennio 2018-2020.

Questa la squadra che affiancherà il prof. Calcagnì nei prossimi tre anni:
Vice-Presidente: Maria Grazia Nassisi
Segretario: Vincenza Pergola
Consiglieri: Raffaele Battista, Ilio Carlantuono, Marco Foscarini, Marianna Scopece
Tesoriere: Costantino Dell’Osso
Cerimoniere: Piero Agnusdei
Addetto Stampa: Massimiliano Monaco
Amministratore del sito web: Stefano Amoroso

Le elezioni dello scorso 16 novembre, le prime dopo l’entrata in vigore del nuovo Statuto unitario di tutti i Club e Centri UNESCO in Italia, hanno inoltre portato alla definizione dei componenti il Collegio dei probiviri (nella persona dei soci Carmine Altobelli, Gianfranco Nassisi, Antonio Ornito, Loredana De Mita e Donato Grasso) e del Collegio dei revisori dei conti (Antonio De Luca, Fernando Forte, Licia Longo, Rosanna Mazza e Lia Ferrante).

Ricco il calendario degli eventi culturali in programma per questo primo anno di presidenza, a partire dalla premiazione, in programma il prossimo 24 marzo, della XIII edizione (2017/18) del Concorso regionale “Una Poesia per la Pace”, riservato agli studenti delle Scuole Secondarie di 1° e di 2° grado, che quest’anno ha come tema “Il dialogo” e il cui bando scade il 31 gennaio 2018.  Finalità dei Club per l’UNESCO è quella di collaborare alla realizzazione degli obiettivi dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura, tra i quali: il rispetto della vita e della natura, della giustizia, delle libertà e dei diritti fondamentali di ogni essere umano, l’accesso all’istruzione, la valorizzazione delle diversità artistiche e culturali, la lotta contro le discriminazioni, la tutela dei beni culturali e naturali più prezioni per il pianeta, la diffusione di una generale cultura della pace, nella consapevolezza che “poiché le guerre nascono nell’animo degli uomini, è l’animo degli uomini che deve essere educato alla difesa delal pace”.

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore
redazione

Redazione Lucera.it

Lascia un commento