M’Arrecorde: ” ‘A CARRIJOLE ” | come giocavano una volta i ragazzi a Lucera


Ascanio IlicetoAi miei tempi (anni 50) i bambini si costruivano da soli i loro giochi con i materiali che erano a disposizione e la fantasia giocava un ruolo importante. I giochi si facevano normalmente per strada o negli spazi lasciati liberi dalle costruzioni, c’era il piacere di far parte di un gruppo (d‘a croscke o d‘a bbande) e di mettersi sempre alla prova riuscendo a superare le molte difficoltà. Molti giochi sono simili in tutta Italia, frutto di una comune tradizione, le regole diverse (in alcuni casi) sono dovute al diverso ambiente, alle diverse abitudini e alla trasmissione orale. I giochi che inserirò in questa Rubrica, un po’ alla volta, hanno caratterizzato l’infanzia e l’adolescenza degli adulti di oggi.


I JÚCHE DE ‘NA VÓTE, CÚME JUCAVENE I UAGLIÚNE A LUCÉRE:
‘A CARRIJOLE

giochi di una voltaA carrijole se guedave :
– Addenucchjate sópe ‘a tavele chi vrazze e i mane allungate pe strènge u manubbreje, tramènde nu cumbagne te vuttave da réte;

– Stènne che nu denúcchje sópe ‘a tavele e l’ata cosse da fóre, pe vuttà annanze.

– Attaccanne ‘na zuculélle a i late d’u manubbreje se strasscenave e se purtavene i crijatúre peccenínne o i sícchje chjíune d’acque.

CÚME SE CUSTRUUÉVE:
Núje uagliúne accattavame da quacche putéche de mèccaneche o da quille che jévene recugghjénne i firre vícchje, trè cusscenétte usate (“sballate”):
– Vúne peccenínne p’u manubbreje;

– Duje cchjù grusse èguale pe l’asse de réte.

– I duje cchjù grusse venévene nfelate a fforze a i late de nu pízze de légne (nu pízze de maneche de scope) pe fà l’asse de réte d’a carrijole.

U cusscenétte peccenínne venévene nfelate a fforze o cèndre de n’atu pízze de maneche de scope lunghe ‘na decíne de cendìmetre e a quiste, a i late, venévene fessate duje pízze de légne (doje spallètte).

Sti spallètte venévene nghjuuate sòtte, o cèndre, d’u manubbreje che ère furmate da ‘na stajèlle larghe nu trè déte, smussate e ponde e furate o cèndre.

U bbuche d’u stérze venéve fatte cumbacià che quille fatte o cèndre da tavele e uníte che nu pírne ca cape chiatte, ‘na rundèlle e nu dade, lassanne ‘na sfelatóre tra u stèrze e a tavele pe putè sterzà quann’ère necessareje.

[Biografia di Ascanio Iliceto]

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

Ascanio Iliceto nella sua rubrica "M’ARRECORDE" ha raccolto detti, proverbi, racconti, giochi di una volta e poesie (proprie o di Enrico Venditti) in lucerino [biografia]

Lascia un commento