M’Arrecorde: ” A MAZZE E PIVEZE ” | come giocavano una volta i ragazzi a Lucera


Ascanio IlicetoAi miei tempi (anni 50) i bambini si costruivano da soli i loro giochi con i materiali che erano a disposizione e la fantasia giocava un ruolo importante. I giochi si facevano normalmente per strada o negli spazi lasciati liberi dalle costruzioni, c’era il piacere di far parte di un gruppo (d‘a croscke o d‘a bbande) e di mettersi sempre alla prova riuscendo a superare le molte difficoltà. Molti giochi sono simili in tutta Italia, frutto di una comune tradizione, le regole diverse (in alcuni casi) sono dovute al diverso ambiente, alle diverse abitudini e alla trasmissione orale. I giochi che inserirò in questa Rubrica, un po’ alla volta, hanno caratterizzato l’infanzia e l’adolescenza degli adulti di oggi.

lucera, giochi di una voltaPe jucà ce vulève:

A MAZZE, nu pizze de légne ritte e tunne, lunghe nu mètre
– U PIVEZE, nu pizze di légne de 15-20 cm chi duje late pendúte, fatte c’u curtille o c’a raspe.
Tutte e duje i pizze de légne venévene tagghjate, quase sèmbe, da u maneche de ‘na scopa vécchje.

Partecepavene o juche duje o cchjù uaggliúne.

Cúme se jucave:

– Se sscegljève ” ‘a case'” (u punde da ndò s’abbijave che ère quase sembe u cuuirchje da fugnatre o de l’acquèdotte o se faceve nu fussetille pe ndèrre);

– Se menave u tucche pe vedè chi abbijave pe prime, chi ére u seconde e víja decènne;

– Se mettéve pe ndèrre u piveze e se déve ‘na botte c’a mazze sópe a vúne di ponde pe farle zumbà in àreje e, tramende che cadéve, n’ata bbotte pe farle jì u cchiù lundane pussìbbele.

Seccome u tire ére defficele, se putéve pruvà pe tre vote.
– U seconde jucatore jéve arrecogghje u piveze andò ére rrevate e u menave vèrse “ ’a case ”, cercanne de farle arrevà u cchjù vecí ne pussibele;

– Quanne u piveze se fermave sópe “ ‘a case” o a ‘na destanze cchjù corte d’a mazze, u jucatore devendave padróne d’a mazze e d’u piveze. Se putéve devendà padró ne d’a mazze e d’u piveze pure quanne se addevenave, lucculanne, u nnumere di mazze che ce vulévene p’arrevà “ ‘a case “ da ndò ére arrevate u piveze.

[Biografia di Ascanio Iliceto e giochi precedenti]

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

Ascanio Iliceto nella sua rubrica "M’ARRECORDE" ha raccolto detti, proverbi, racconti, giochi di una volta e poesie (proprie o di Enrico Venditti) in lucerino [biografia]

Lascia un commento