M’Arrecorde: ” ALLA LÚNE ” | come giocavano una volta i ragazzi a Lucera


Ascanio IlicetoAi miei tempi (anni 50) i bambini si costruivano da soli i loro giochi con i materiali che erano a disposizione e la fantasia giocava un ruolo importante. I giochi si facevano normalmente per strada o negli spazi lasciati liberi dalle costruzioni, c’era il piacere di far parte di un gruppo (d‘a croscke o d‘a bbande) e di mettersi sempre alla prova riuscendo a superare le molte difficoltà. Molti giochi sono simili in tutta Italia, frutto di una comune tradizione, le regole diverse (in alcuni casi) sono dovute al diverso ambiente, alle diverse abitudini e alla trasmissione orale. I giochi che inserirò in questa Rubrica, un po’ alla volta, hanno caratterizzato l’infanzia e l’adolescenza degli adulti di oggi.

I JÚCHE DE ‘NA VÓTE.
CÚME JUCAVENE I UAGLIÚNE A LUCÉRE: ALLA LÚNE

allaluneSe facéve u circhje e se menave u túcche, luteme che ére cundate se mettéve c’a chjegate e chi mane sópe i denúcchje.

L’ati júcature sscègljèvene u prime (u rrè) che avéve zumbà e dope se mettévene affelarate vune arréte a n’ate.

U rrè prime de zumbà lucculave u nnumere e u ditte e facéve quille che decéve a rèvele, dope tutte l’ati júcature avévene repéte e fa quille che avéve fatte u rrè.

U jucatóre che sbagliave jéve sòtte.

I RÈVELE

VÚNE, ALLA LÚNE: se zumbave e bbaste;
DÚJE, DOJE BOTTE: se zumbave appujanne i púneje chiúse sópe i ríne;
TRÈ, ‘A FÍGGHIJE U RRÈ, ‘A BBÒNE A MME A SCAZZOSE A TE: se zumbave e bbaste;
QUATTE, SPÀZZULINE CAMMENAVENE SÓPE ‘A VÍJE DE BBOLOGNE: se zumbave e dope u jucatóre avéve pulezzà pe ndèrre  cúme si avésse n’u pennille;
CÌNGHE, SPERLICCHJE: se zumbave e se déve nu ticchete, c’u detóne e u díte de mizze, sópe ‘a ponde d’a rècchje;
SÈJE, CAVECE NGÚLE: se zumbave e se déve ‘na bbotte de tacche sope ‘u cule de chi stève sòtte;
SETTE, MANE E PPIDE NGRUCIJATE: se zumbave e dope se ngrucijavene cosse e ppíde e s’avéve rumanì accussì senza cadè;
OTTE, SULDATINE DE PIOMBE: se zumbave e dope s’avéve rumanì dritte;
NOVE, BBATTE MANE: se zumbave e se battèvene i mane;
DÌCE, PASTE E FFASÚLE: se zumbave e bbaste;
ÙNECE, I FURMÍCHE : se zumbave strengénne chi mane ‘a pèlle di ríne;
DÙDECE, FUJA-FUJE: se zumbave u cchjù lundane e dope fuja-fuje pe nen èsse pegghjate da u rrè.

Seccome i rèvele venévene tramandate  a voce, spisse èsse venévene cagnate a seconde d’u rióne e u nnummere di júcature.

[Biografia di Ascanio Iliceto e giochi precedenti]

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

Ascanio Iliceto nella sua rubrica "M’ARRECORDE" ha raccolto detti, proverbi, racconti, giochi di una volta e poesie (proprie o di Enrico Venditti) in lucerino [biografia]

Lascia un commento