M’Arrecorde: ” I JUCATURE ” | come giocavano una volta i ragazzi a Lucera


Ascanio IlicetoAi miei tempi (anni 50) i bambini si costruivano da soli i loro giochi con i materiali che erano a disposizione e la fantasia giocava un ruolo importante. I giochi si facevano normalmente per strada o negli spazi lasciati liberi dalle costruzioni, c’era il piacere di far parte di un gruppo (d‘a croscke o d‘a bbande) e di mettersi sempre alla prova riuscendo a superare le molte difficoltà. Molti giochi sono simili in tutta Italia, frutto di una comune tradizione, le regole diverse (in alcuni casi) sono dovute al diverso ambiente, alle diverse abitudini e alla trasmissione orale. I giochi che inserirò in questa Rubrica, un po’ alla volta, hanno caratterizzato l’infanzia e l’adolescenza degli adulti di oggi.

I JÚCHE DE ‘NA VÓTE.
CÚME JUCAVENE I UAGLIÚNE A LUCÉRE:
I I JUCATURE

il_gioco_delle_figurineU júche chi fegurèlle di jucatúre ére vune di passatímbe di uagliúne de quilli tímbe.

Ére bbèlle quanne ch’i poche suldarille che stévene, s’accattavene i bbustíne di jucatúre e pure quanne se facéve a ccagne di fugurèlle uuale.

Chi fugurèlle di jucatúre se putéve jucà:
A SCKAFFE: prime d’accumencià a jucà se decèdeve s’i fegurèlle se putèvene chjegà (pe fà pegghjà mègghje l’àreje) e si u sckaffe putéve èsse date c’u palme d’a mane apìrte o a ccuppetille.
Tutte mettévene u stèsse nnumere de fegurèlle v’une sópe a n’avete c’a facce sópe e s’appujavene sópe u murille, sópe i scalèlle o sópe u rumutale.
Dópe se déve nu sckaffe forte vecíne a mundagnèlle di jucatúre . Quille che se ggeravene érene vinde sennò se passave ‘a mane.

A PPA! (SE LUCCULAVE “PPA!”): I rèvele érene i stèsse d’u sckaffe sulamènde che pe fà ggerà i fegurèlle se ausave u fijate che veneve fore d’a vocche quanne se lucculà: “PPA!”.

A TÌCCHETE: Se mettéve ‘a fegurèlle d’u jucatóre sópe a nu murille, sópe i scalèlle o sópe u rumutale e c’u nu TÌCCHETE (pe fà u tìcchete se ausave u detóne e u díte de mizze), se facéve cadè ‘na fegurèlle.
U prime jucatóre che riusscéve, c’a fegurèlle súje, accumegghià, pure sulamènde nu pízze ‘na fegurèlle già pe ndèrre, vengéve tutte i fegurèlle pe ndèrre.

Nvéce d’u TÌCCHETE se putéve menà a fegurèlle chi mane da ‘n’altèzze cchjù o méne de nu mètre.

[Biografia di Ascanio Iliceto e giochi precedenti]

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

Ascanio Iliceto nella sua rubrica "M’ARRECORDE" ha raccolto detti, proverbi, racconti, giochi di una volta e poesie (proprie o di Enrico Venditti) in lucerino [biografia]

Lascia un commento