M’Arrecorde: ” I VRÈCCELE ” | come giocavano una volta i ragazzi a Lucera


Ascanio IlicetoAi miei tempi (anni 50) i bambini si costruivano da soli i loro giochi con i materiali che erano a disposizione e la fantasia giocava un ruolo importante. I giochi si facevano normalmente per strada o negli spazi lasciati liberi dalle costruzioni, c’era il piacere di far parte di un gruppo (d‘a croscke o d‘a bbande) e di mettersi sempre alla prova riuscendo a superare le molte difficoltà. Molti giochi sono simili in tutta Italia, frutto di una comune tradizione, le regole diverse (in alcuni casi) sono dovute al diverso ambiente, alle diverse abitudini e alla trasmissione orale. I giochi che inserirò in questa Rubrica, un po’ alla volta, hanno caratterizzato l’infanzia e l’adolescenza degli adulti di oggi.

I JÚCHE DE ‘NA VÓTE.
CÚME JUCAVENE I UAGLIÚNE A LUCÉRE:
I VRÈCCELE

 

lucera_giochi_di_una_voltaU júche chi vrèccele éje andíche e u facévene púre i uagliungèlle Rumane e Grice.

Sti uagliungèlle se purtavene sèmbe apprisse nu sacchetille chi petruccèlle pe putè jucà.

Servèvene cìnghe petruccèlle, èrene mègghije attunnate, e alméne doje uagliungèlle.

Quase sèmbe s’ausavéne i vrèccele de prupejetà de vune di uagliungèlle ma se putevéne usà pure quèlle che se truvavene p’a strade.

Se vengéve quanne s’arrevave o nnumere d’i punde che s’ére decíse prime.

Se menave u túcche pe vedè chi avéve jucà pe prime.
Stanne assettate, se mettévene pe ndèrre quatte vrèccele misse cúme n’u quadrate e vúne (che se canusscéve u píseme e u tímbe pe cadè) se menave pe l’àreje e c’a stèssa mane, se recugghjéve vúne pe nderre e dope se repegghjave quella che stève in areje prime che cadeve e se mettéve da parte.

U stèsse se facéve pe tutte l’ati putruccèlle.
‘A seconda mane se recugghjèvene doje vrèccele ógne vóte, sèmbe menanne vúne pe l’areje.
‘A terza mane se recugghjèvene: ‘a príme pegghjate tre e ‘a seconde, lútema vrèccele pe ndèrre.
‘A quarta mane se recugghjèvene i quatte vrèccele nda ‘na sola pegghjate, sèmbe menanne vúne pe l’areje.
Lútema mane se menavene pe l’areje tutte i vrèccele e tutte e cinghe s’avévene pegghià sope i mane capuutate.
Quanne se sgarrave a pegghjà i vrèccele se passave a n’ata uagliungèlle. Vengéve chi fenève tutt’u júche sènza sgarrà.

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

Ascanio Iliceto nella sua rubrica "M’ARRECORDE" ha raccolto detti, proverbi, racconti, giochi di una volta e poesie (proprie o di Enrico Venditti) in lucerino [biografia]

Lascia un commento