M’Arrecorde: ” U CARRARMATE C’A ROCELE D’U CHETTÓNE ” | come giocavano una volta i ragazzi a Lucera


Ascanio IlicetoAi miei tempi (anni 50) i bambini si costruivano da soli i loro giochi con i materiali che erano a disposizione e la fantasia giocava un ruolo importante. I giochi si facevano normalmente per strada o negli spazi lasciati liberi dalle costruzioni, c’era il piacere di far parte di un gruppo (d‘a croscke o d‘a bbande) e di mettersi sempre alla prova riuscendo a superare le molte difficoltà. Molti giochi sono simili in tutta Italia, frutto di una comune tradizione, le regole diverse (in alcuni casi) sono dovute al diverso ambiente, alle diverse abitudini e alla trasmissione orale. I giochi che inserirò in questa Rubrica, un po’ alla volta, hanno caratterizzato l’infanzia e l’adolescenza degli adulti di oggi.

I JÚCHE DE ‘NA VÓTE.
CÚME JUCAVENE I UAGLIÚNE A LUCÉRE:
‘ U CARRARMATE C’A ROCELE D’U CHETTÓNE ‘

 

gioco del carrarmatoA rocele d’u chettóne ére nu celìndre de légne ch’i bborde avezate pe mandenè u chettóne, che nu bbuche ammizze pe nfelarle sope ‘a machene pe ccóse.

Ésse ére nu scarte ca se truuave dinde a tutt’i case pecché ‘na vóte quase tutt’i fèmmene cusévene.

Pe fà u carrarmate servéve :

  • Na rocele d’u chettone vacande;

  • Na molle (èlasteche);

  • Nu cerogge fattizze 1,5 cendìmetre o nu pizztille de sapóne;

  • Na pundíne;

  • Nu stecchíne.

Se pegghjave ‘a rocele e che nu curtelluzze se facévene i dínde che deventavene i cingúle d’i rote d’u carrarmate.

Se nghiuuave a pundíne vecíne o bbuche.

Se devedeve u stecchíne (o ‘na legnozze) : ‘na parte longhe 2 cendìmetre e n’avete 8 cendìmetre.

Se pegghjave u cerogge (o u sapone), se tagghjave nu pizze de 1,5 cendìmetre, se facéve nu bbuche ammizze, su luuave u stuppíne e se nfelave dinde a rocele.

Se faceve passà a molle dinde u buche d’u cerogge e d’a rocele, se pegghjave u late d’a molle che asscéve e se nfelave u pizze d’u stecchíne curte e se bbluccave vecíne ‘a pundíne.

Se terave bbùne a molle d’a parte cundrareje e se nfelave u stecchíne lunghe.

Pe jucà: se ggerave 15-20 vóte u stecchíne lunghe p’arravugghjà a molle e s’appujave u carrarmate pe ndèrre.

[Biografia di Ascanio Iliceto e giochi precedenti]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

Ascanio Iliceto nella sua rubrica "M’ARRECORDE" ha raccolto detti, proverbi, racconti, giochi di una volta e poesie (proprie o di Enrico Venditti) in lucerino [biografia]

Lascia un commento