M’Arrecorde: ” U CURLE ” | come giocavano una volta i ragazzi a Lucera


Ascanio IlicetoAi miei tempi (anni 50) i bambini si costruivano da soli i loro giochi con i materiali che erano a disposizione e la fantasia giocava un ruolo importante. I giochi si facevano normalmente per strada o negli spazi lasciati liberi dalle costruzioni, c’era il piacere di far parte di un gruppo (d‘a croscke o d‘a bbande) e di mettersi sempre alla prova riuscendo a superare le molte difficoltà. Molti giochi sono simili in tutta Italia, frutto di una comune tradizione, le regole diverse (in alcuni casi) sono dovute al diverso ambiente, alle diverse abitudini e alla trasmissione orale. I giochi che inserirò in questa Rubrica, un po’ alla volta, hanno caratterizzato l’infanzia e l’adolescenza degli adulti di oggi.

I JÚCHE DE ‘NA VÓTE.
CÚME JUCAVENE I UAGLIÚNE A LUCÉRE:
‘ U CURLE ‘

 

U curle ére de legne e assemègghjave a ‘na pére (o perèlle) c‘a ponde de fírre (c’u spendóne).Lucera, giochi di una volta

Pe jucà s’ausavene quisti curle:

  • Setelline, che ggirave sópe u palme d’a mane ligge ligge e t’addelecave ;

  • Trúnele, che zumbave sópe u palme d’a mane pecché u spendóne nen ére lemate bbúne.

A zacagghje (‘a zuculélle) s’arravugghiave atturn’atturne o curle, partennne d’a pponde e nu cape se tenéve mmane.

Pime de menà u curle, pe purtà fertúne, se decéve: “se corla, ménghe”.

U curle venéve menate pe ndèrre c‘a forze d’u vrazze tramende se tenéve mmane u cape da zacagghje che se sdravugghjave e facéve ggerà u curle.

Quanne ‘a zacagghje rumanéve attaccate o spendóne d’u curle se decéve: “u curle à pegghjate mugghjére

I jucatúre cchjù bbrave, che doje déte misse cúme ‘na fercíne, pegghjavene u curle da ndèrre e u facévene ggirà sópe u palme d’a mane e dope l‘appujavene n’ata vóte ndèrre.

Quille ancore cchjù bbrave, pegghjavene ‘a zacagghje a i doje ponde:

  • L’avvecenavene o curle mèndre ggerave;

  • A ngruciavene atturne o spendóne sènza tuccarle;

  • Che ‘na mosse venéve terate e che n’ata mosse u curle venéve purtate all’altèzze d’a spalle du jucatóre e dope u facéve scènne, ggiranne, sópe u palme d’a mane.

A SPACCACÙRLE

Vencève chi menanne u curle riuscève a ccogghje quille d’u cumbagne, tramende steve ggeranne pe ndèrre, pe singhijarle, spurtusarle o spaccarle.

[Biografia di Ascanio Iliceto e giochi precedenti]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

Ascanio Iliceto nella sua rubrica "M’ARRECORDE" ha raccolto detti, proverbi, racconti, giochi di una volta e poesie (proprie o di Enrico Venditti) in lucerino [biografia]

Lascia un commento