M’Arrecorde: ” U PARAPALLE ” | come giocavano una volta i ragazzi a Lucera


Ascanio IlicetoAi miei tempi (anni 50) i bambini si costruivano da soli i loro giochi con i materiali che erano a disposizione e la fantasia giocava un ruolo importante. I giochi si facevano normalmente per strada o negli spazi lasciati liberi dalle costruzioni, c’era il piacere di far parte di un gruppo (d‘a croscke o d‘a bbande) e di mettersi sempre alla prova riuscendo a superare le molte difficoltà. Molti giochi sono simili in tutta Italia, frutto di una comune tradizione, le regole diverse (in alcuni casi) sono dovute al diverso ambiente, alle diverse abitudini e alla trasmissione orale. I giochi che inserirò in questa Rubrica, un po’ alla volta, hanno caratterizzato l’infanzia e l’adolescenza degli adulti di oggi.

I JÚCHE DE ‘NA VÓTE.
‘ U PARAPALLE’

 

Lucera, giochi di una voltaU parapalle ére nu passatímbe fatte che ‘na pallucce de pèzze chjéne de segatúre e attaccate stéve ‘na molle (èlasteche) che nu chjappètte a pónde ndo se nfelave u dite de mizze d’a mane.

Ca stèssa mane se menave ‘a palle e quanne returnave s’avéve parà c’a stessa mane.

I cchjù bbrave facévene stu muuemènde veloce e sènza sgarrà.

Isse s’ausave pure pe sfreculijà u pastecciotte a i cumbagne cchjù ngazzúse: se menave ‘a palle arréte u cuzzètte d’u cumbagne e doppe parate ‘a palle c’a mane, s’ammucciave nda sacche e quille se ngazzave cúme nu diavele.

U parapalle s’accattave sópe i bbangarèlle e físte.

[Biografia di Ascanio Iliceto e giochi precedenti]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

Ascanio Iliceto nella sua rubrica "M’ARRECORDE" ha raccolto detti, proverbi, racconti, giochi di una volta e poesie (proprie o di Enrico Venditti) in lucerino [biografia]

Lascia un commento