Orecchiette con rucola e pomodoro


Oggi vi proponiamo uno dei piatti tipici della tradizione culinaria lucerina: orecchiette con rucola e pomodoro.

Un piatto semplice, povero, ma molto gustoso.

Vi basterà armarvi di semola e tagliere, per fare le orecchiette in casa, e di racimolare della rucola, verdura selvatica, tipica delle campagne lucerine, ma che si può trovare anche al Castello di Lucera.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

1kg di rucola
500 mg di semola
1/2 uova
pomodori (passati o a pezzettoni)
aglio
olio
peperoncino
basilico

PROCEDIMENTO

Su una base posizioniamo la semola a mo’ di fontanella e aggiungiamo le uova e un pizzico di sale.

1430947508635

1430947544584

Gradatamente aggiungiamo dell’acqua e iniziamo a lavorare fino ad avere un’impasto liscio e morbido. Lasciamo riposare per 30minuti circa.

1430947614169

Successivamente riprendiamo la nostra pasta e la lavoriamo per altri 5 minuti, iniziando a dar forma alle nostre orecchiette.

1430947666563

1430947694149

Intanto in una pentola facciamo rosolare aglio e olio fino a farlo diventare dorato, e aggiungiamo il pomodoro (io lo preferisco passato, ma si può aggiungere anche a pezzetti).  Lasciamo cuocere per circa 15 minuti e a fiamma spenta, profumiamo con del basilico.

1430947727189

1430947756251

Nel frattempo mettiamo a bagno la nostra rucola.

1430947807724

Nella nostra pentola piena d’acqua aggiungiamo del sale e un pizzico di bicarbonato. Quando l’acqua arriva a bollore aggiungiamo la rucola già lavata.

1430995207696

Dopo circa 20 minuti di cottura aggiungiamo le orecchiette e facciamo cuocere insieme.

1430995235019Scoliamo quindi la pasta aggiungendo un mestolo di pomodoro che precedentemente abbiamo preparato. Per impiattare aggiungiamo un mestolo di sugo di pomodoro e, per guarnire, una foglia di basilico e peperoncino

1430995298471

 

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

Ciao a tutti sono Lucia e questa è la mia rubrica settimanale di cucina. La mia è semplice passione nata osservando mia madre e le vecchie tradizioni delle mie nonne [continua]

Lascia un commento