M’Arrecorde – I Cunde : ” TUTT’I FISTE JÈSSERE E VVENÈSSERE “


Ascanio IlicetoQuesta nuova sezione della rubrica “M’ARRECORDE” riguarda le favole, le leggende, le piccole novelle e le storielle che una volta venivano tramandate per via orale e che in dialetto lucerino sono chiamate i “CUNDE”. Questi racconti ci riportano ad una civiltà rurale e a una famiglia patriarcale, ad un’epoca che non esiste più. Quando noi eravamo bambini e prima di noi le altre generazioni, nelle sere d’inverno, i nostri nonni o i nostri genitori ci facevano sedere intorno al braciere (u vrascìre) o al camino (u fucarile) e ci narravano queste novelle spesso piene di valori umani e principi morali. Spero che questi racconti facciano avvicinare i più giovani e i meno giovani ad un’epoca che ormai non esiste più ma piena di significati e al dialetto della nostra cara e amata terra natale: LUCERA.

I CUNDE
‘ TUTT’I FISTE JÈSSERE E VVENÈSSERE ‘

cimiteroOgn’e anne, ‘a nòtte i duje nuvèmbre, – accussì m’accundave mammanònne – i murte làssene i nnicchje e, chiane chiane, aèsscene d’o cambesande. Po’’, a ffil’a ffile, s’abbìjene mbrecessióne.

Arevat’o pajése, apprime vann’a ppregà nd’i cchjise, po’ angìgnen’affà u gire d’u pajése, e ppàssene pe ògn’e ppendóne, strate, chiazze, s’affàccene pure nd’i strètte e nd’i stratòlle, e, p’u pertuse d’a chiave, tràsene dind’i case ch’addòrene de ciccecutte.

Benedicene ‘a cavezètte, appèse a ccap’o litte p’i crejucce, e vvanne nzunn’e grusse p’i rrecurdà ca nuvèmbre è u mése d’i ddefriscke.

A Bbefanìje – pe llóre quille éje u jurne stabbelìte p’u retìre – se tròvene tutte quande n’ata vóte annanz’o cangille d’u cambesande.

Da llà ggnune se ne tòrn’o nicchje suje, susperanne:

Ah, tutt’i fiste jèssere e vvenèssere,

ma Pàsquela Bbefanìje maje venèsse!…”

TUTTE LE FESTE ANDASSERO E VENISSERO

Ogni anno, la notte del due novembre, – così mi raccontava la nonna – i morti lasciano ciascuno il proprio loculo e, piano piano, se ne escono dal cimitero. Poi, formata la fila, s’avviano in processione.

Giunti in paese, prima si recano a pregare nelle chiese, poi cominciano a fare il giro, e passano per ogni angolo, strada, piazza, s’affacciano anche nelle strette e nelle stradine, e, attraverso il foro della serratura, entrano nelle case che profumano di grano cotto.

Benedicono la calza appesa a capo del letto dei bambini e vanno in sogno agli adulti per ricordare loro che novembre è il mese dei suffragi.

All’Epifania – per loro quello è il giorno stabilito per il rientro – tutti un’altra volta, si ritrovano davanti al cancello del cimitero.

Da lì ognuno se ne torna al proprio loculo, sospirando:

Ah, se tutte le feste andassero e venissero,

ma la festa dell’Epifania non arrivasse mai!….”.

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

[Biografia di Ascanio Iliceto e giochi precedenti]

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

Ascanio Iliceto nella sua rubrica "M’ARRECORDE" ha raccolto detti, proverbi, racconti, giochi di una volta e poesie (proprie o di Enrico Venditti) in lucerino [biografia]

Lascia un commento