M’Arrecorde – I Cunde : “U CUNDE CUMMÀ’ GATTE”


Ascanio IlicetoQuesta nuova sezione della rubrica “M’ARRECORDE” riguarda le favole, le leggende, le piccole novelle e le storielle che una volta venivano tramandate per via orale e che in dialetto lucerino sono chiamate i “CUNDE”. Questi racconti ci riportano ad una civiltà rurale e a una famiglia patriarcale, ad un’epoca che non esiste più. Quando noi eravamo bambini e prima di noi le altre generazioni, nelle sere d’inverno, i nostri nonni o i nostri genitori ci facevano sedere intorno al braciere (u vrascìre) o al camino (u fucarile) e ci narravano queste novelle spesso piene di valori umani e principi morali. Spero che questi racconti facciano avvicinare i più giovani e i meno giovani ad un’epoca che ormai non esiste più ma piena di significati e al dialetto della nostra cara e amata terra natale: LUCERA.

I CUNDE
‘ U CUNDE CUMMÀ’ GATTE ‘


gatta
Na vóte cummà’ gatte jij’a scupà a cchjìse e ttruàje nu turnesille: “Chè mme pòzz’accattà che nu turnése?…. Si m’accatte i nuce agghja jjettà ‘a scòrze, si m’accatte i nucelle ci’agghja luà ‘a scòrze.

Mò’ m’accatte nu conzèrrussce e mm’u métte mbacce, me métte sóp’a fenestrèlle e ffazze amóre”.

E ccussì facìje.

Passàje ‘na mòrre de ciucce:

Cummà’ gatte, cummà’ gatte, che ffaje sóp’a fenèstre?”

Me vògghje mmaretà”.

Me vuj’a mmè?”.

Famme sènde, chè vvóce tine?”.

I-o, i-o, i-o…..”.

Pass’annanze can en te vògghje”.

Pò’ passàje ‘na mòrre de cane: “Cummà’ gatte, cummà’ gatte, che ffaje sóp’a fenèstre?”

Me vògghje mmaretà”.

Me vuj’a mmè?”.

Famme sènde, chè vvóce tine?”.

Bu, bu, bu….”.

Pass’annanze ca nde vògghje”.

Pò’ passàje ‘na mòrre de purcille: “Cummà’ gatte, cummà’ gatte, che ffaje sóp’a fenèstre?”

Me vògghje mmaretà”.

Me vuj’a mmè?”.

Famme sènde, chè vvóce tine?”.

““Grunt-grunt, grunt-grunt …..”.

Pass’annanze can nde vògghje”.

Po’’ passàje ‘na mòrre de suracille: “Cummà’ gatte, cummà’ gatte, che ffaje sóp’a fenèstre?”

Me vògghje mmaretà”.

Me vuj’a mmè?”.

Famme sènde, chè vvóce tine?”.

Zi, zi, zi….”

Vine sópe ca te vógghje, vine sópe ca te vógghje”.

Spusàrene. U jurne appirze, ére dumènrche, ‘a gatte facìje u rraù.

Suracille mije, – decìj’o marite – ghije mò’ vache a mèsse, abbade nu póche a tièlle. Ogne ttande va a vvutà, angóre s’appezzechéje u rraù”.

Si, va bbune, vavattinne e ngarecanne”.

U suracille stéve c’u cuppuline ngape nd’a case. Quanne s’avvecenàje pe vvutà u rraù, i scappàje u cuppuline e cadìje nd’a tièlle. Jije p’u ngappà e sse ne cadìje pure isse abbassce.

Quanne ‘a gatte turnàje d’a cchjìse, tuzzulàje, ma nessciune jije a rrapì.

Chiamàje u mastre d’asce, facìje sfasscià ‘a pòrte, trasìje dinde e jjéve chiamanne casa-case: “Suracille mije, suracille mije”.

Se facìje capace e ddecìje: “Va truve ndò se n’e gghiute… Mò’ cucine e mmagne ije sóle”.

Jije pe ppegghjà u rraù ch’éva cunzà i maccarune, pigghj’e asscìje u suracille e u cuppuline da dind’a tièlle.

A qqua staje? Àje fatte bbune ca te si ccutte…. Mò’ me magn’a ttè che tutt’i maccarune”.

E ss’u magnàje.

IL RACCONTO DI COMARE GATTA

Una volta comare gatta andò a scopare in chiesa e trovò un soldino: “Che posso comprare con un soldino?”…. Se mi compro le noci, devo buttare le bucce, se mi compro le nocelle, devo togliere la scorza. Ora mi compro un rossetto, me lo metto sul viso, mi metto alla finestra e faccio all’amore”. E coì fece.

Passò un gruppo di asini:

Comare gatta, comare gatta, che fai alla finestra?”

Mi voglio sposare”.

Vuoi me?”.

Fammi sentire, che voce hai?”.

I-o, i-o, i-o”.

Passa oltre che non ti voglio”.

Poi passò un gruppo di cani:

Comare gatta, comare gatta, che fai alla finestra?”

Mi voglio sposare”.

Vuoi me?”.

Fammi sentire, che voce hai?”.

Bu, bu, bu”.

Passa oltre che non ti voglio”.

Poi passò un gruppo di porci:

Comare gatta, comare gatta, che fai alla finestra?”

Mi voglio sposare”.

Vuoi me?”.

Fammi sentire, che voce hai?”.

Grunt-grunt, grunt-grunt…..”.

Passa oltre che non ti voglio”.

Poi passò un gruppo di topi:

Comare gatta, comare gatta, che fai alla finestra?”

Mi voglio sposare”.

Vuoi me?”.

Fammi sentire, che voce hai?”.

Zi, zi, zi…..”.

Vieni su che ti voglio, vieni su che ti voglio”.

E si sposarono. Il giorno dopo, era domenica, la gatta preparò il sugo. “Topolino mio, – disse al marito – ora io vado a messa, bada un po’ al tegame. Ogni tanto, va’ a girare per evitare che il sugo si attacchi”. “Si, va bene, va’ pure e non ti preoccupare”.

Il topolino, in casa, stava con il berrettino in testa. Quando si avvicinò per girare il sugo, gli scappò il berrettino e cadde nel tegame. Tentò di afferrarlo, ma cadde anche lui dentro.

Quando la gatta tornò dalla chiesa, bussò, ma nessuno andava ad aprire . Chiamò il falegname, fece rompere la serratura, entrò dentro e chiamava per tutta la casa: Topolino mio, topolino mio”.

Si rassegnò e disse: “Chi lo sa dove se n’è andato… Ora cucino e mangio da sola”.

Quando andò a prendere il sugo per condire i maccheroni, vennero fuori il topolino e il berrettino dal tegame. “Qua stai? Hai fatto bene a cuocerti. Ora ti mangio con tutti i maccheroni”.

E se lo mangiò.

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

[Biografia di Ascanio Iliceto e racconti precedenti]

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

Ascanio Iliceto nella sua rubrica "M’ARRECORDE" ha raccolto detti, proverbi, racconti, giochi di una volta e poesie (proprie o di Enrico Venditti) in lucerino [biografia]

Lascia un commento