M’Arrecorde – I Cunde : ” U CUNDE DE MASTE FRANCISCHE U SCARPARE “


Ascanio IlicetoQuesta nuova sezione della rubrica “M’ARRECORDE” riguarda le favole, le leggende, le piccole novelle e le storielle che una volta venivano tramandate per via orale e che in dialetto lucerino sono chiamate i “CUNDE”. Questi racconti ci riportano ad una civiltà rurale e a una famiglia patriarcale, ad un’epoca che non esiste più. Quando noi eravamo bambini e prima di noi le altre generazioni, nelle sere d’inverno, i nostri nonni o i nostri genitori ci facevano sedere intorno al braciere (u vrascìre) o al camino (u fucarile) e ci narravano queste novelle spesso piene di valori umani e principi morali. Spero che questi racconti facciano avvicinare i più giovani e i meno giovani ad un’epoca che ormai non esiste più ma piena di significati e al dialetto della nostra cara e amata terra natale: LUCERA.

I CUNDE
‘ U CUNDE DE MASTE FRANCISCHE U SCARPARE ‘



scarparoStéve ‘na vóte nu scarpare, n’óme anziane ca cambave sule e sse chiamave maste Frangische,

Cambave cume Dije vulve, nzòmme terav’annanze.

Nu jurne, mendre stéve aggiustanne nu pare de scarpe, s’appresènde n’óme, pure isse vecchjarille, e mmaste Frangische, penzanne ca ére vune ca vuléve fà n’aggiustature, addummannàje: “Cumbà’, te sèrve chèccóse?”.

E qquille u tremendeje che ‘na resatèlla sfrecante e rrespunnije: “Maste Frangi’, quand’anne tine? Accucchje ‘na settandine, eh?…”.

E cchè so ffatte tuje? O me daje a mmagnà tu….”, u respunnìje maste Frangische.

Nò, pèrò, qua ce stace u fatte ca ije sònghe ‘a mòrte; e mmò’ te n’àja venì’ che nnè”.

Iiih…., – decìje maste Frangische – cume fazze ch’i crestijane ca tènene i scarp’a ggiustà?!…. Damme nu póche de timbe, chècchè jjurne… Ne nde pare?…”.

Ije – respunnìje ‘a mòrte – te pòzze dà ne cchjù de ‘na settemane. Òggiadòtte vènghe e cce n’amma jì…”. E, ccussì decènne, se ne jìje.

Mò’ maste Frangische penzave cum’avéva fà pe nze ne jì. E, penzanne penzanne, truàje ‘a seluzzióne.

Tenéve, dind’a putéche, ‘na sègge mèzza scuffulate; pegghjàje a péce ca i servéve p’i scarpe e gungìje tutt’u funne: u facìje bbèlle quagghje-quagghje e aspettàje.

Arrevate u timbe stabbelite, se presendàje n’ata vóte ‘a mòrte e, prime ca quèste decéve chèccóse, à ndecepàje: “Accumudàteve, ije so qquase prònde… Quanne me vache a mmètte ‘na còsa cchjù ddecènde e cce ne jame. Ndande, assettàteve nu póche ca v’arrepusate”.

E ‘a mòrte, ninde sapènne de quille ca l’aspettave, s’assettàje sóp’a sègge c’a péce.

Ndande Maste Frangisce cundunuuave a ffategà; e ‘a mòrte, tramènde ca se vuléve avezà pe ddì chèccóse, s’addunàje ca stéve tutt’appezzecate. “Ah, Madònna mije, chè ssuccisse?…Nèh, maste Frangi’, che mm’è cumbenate?…”.

Èh…., – respunnìje maste Frangische – tu credìve ca me pegghjave àngele-àngele e me carrejav’a llà… Èh, nò!… Mò’, si vuje èsse spezzecate, m’éja dà cingh’anne de pròleche… Chè ne dice?”.

Ma ije n’u pòzze fà…”, dec’je ‘a mòrte.

Puje, puje…”, respunnìje maste Frangische.

E vva bbune!… Pèrò, tra cingh’anne, t’èje fà truà prònde sòtt’a l’arche d’a pòrte…”. Maste Frangische u pulezzàje bbèlle bbèlle e ccussì se ne jije.

U timbe passave e mmaste Frangische se pruccupave: “Cum’agghja fà?”, decéve.

Accussì facìje n’ata penzate. Stit’a ssènde.

Annanz’a putéche tenéve n’àreve de fiche. Chè ppenzàje de fà? A vune d’i duje rame de l’àreve ce mettìje n’ata vóte tanda pce. Pèrò, vedìje ca u nìreve se vedéve e, ccussì, pe nn’u fà vedè, ce menaje nu poche se farine sòpe e, ccussì addevendàje grigge cum’e l’àreve.

Arrevate u jurne stabbelite, maste Frangische se facìje truuà tutte prònde, che nu bbèlle vestite nìreve, ‘a putéche arrezzerijate… e pparéve pròpreje prònde pe pparte.

Pundualmènde ‘a mòrte s’appresendàje e, prime ca putèsse dì chècchèccóse, maste Frangische s’agavezàje d’a sègge e, facènn’a vvedè ca se ne vuléve jì, decìje ambacci’a mòrte: “Me despiace pròpreje de sti bbèlle fiche… Me n’agghja pàpreje magnà dóje…”. E s’arrambecàje sóp’u rame pulite e sse mettìj’a mmagnà.

A mòrte, prime guardàje, ma pò’ i venìje pur’a èsse u vulìje e s’arrambecàje pure èsse sòp’a l’àreve, ma sóp’u rame c’a péce e a farìne.

Angegnàj’a mmagnà, ma s’addunaje ca stéve appezzecate n’ata vóte. “Maste Frangi’, che mm’è ffatte?… Cum’agghja fà? Tu me vuje fà jì a mattìje.. Mò’ chè agghja dì a llà ssópe? Chè scuse agghja truuà?”, u decéve ‘a morte.

E mmaste Frangische ce respunnìje: “Ma tu te credìve chè addavaramènde me ne sarrìje venute che ttè?!.. Tènghe angóre da fà sóp’a sta tèrre. Vòldìre ca ce vedìme tra n’at’e ccinghe anne, e tte prumètte ca sta vóte sarragghje punduale….”, respunnìje maste Frangische.

Maste Frangi’, ghije te dènghe n’at’e ccinghe anne, però, sta vóte ne mm’àja fà passaà guaje.. U saje ca me putarrìjene punì?…”. E, ccussì decènne, dòppe ca maste Frangische l’avéve pulezzate n’ata vóte, se ne jije.

I cingh’anne passàrene e mmaste Frangische, ca s’ére fatte probbete vècchje, se decedìje a nen dà cchjù fastìdeje a mórte. E ccussì, quanne ‘a mórte se presendàje n’ata vóte, se facìje truà prònde, chiudìje ‘a vetrìne c’u chiavine e, chiane chiane, sòttèbbracci’a mòrte, s’abbiaje a ddà cund’o Segnore.

Stu fatte, cchjù ch’accundà nu fatte succisse addavaramènde, vóle cunfurmà u pruvèrbeje ca dice: “Fuje quande vuje ca qqua t’aspètte”.

IL RACCONTO DI MASTRO FRANCESCO IL CALZOLAIO

C’era una volta un calzolaio, un uomo anziano che viveva solo e si chiamava mastro Francesco. Viveva come Dio voleva, insomma tirava avanti.

Un giorno, mentre stava aggiustando un paio di scarpe, si presenta un uomo, anche lui vecchietto, e mastro Francesco, credendo che fosse uno che voleva fare una riparazione, domandò: “Compare, ti serve qualche cosa?”. E quello lo fissò con una risatina ironica e rispose: “Mastro Francè’, quanti anni hai? Ne metti insieme una settantina, eh?…”. “E che sono fatti tuoi? O mi dai tu da mangiare…”, gli rispose mastro Francesco. “No, però si dà il caso che io sono la morte e ora te ne devi venire on me”

Ijjh…, – disse mastro Francesco – come faccio con le persone che mi hanno dato le scarpe da riparare?!…Dammi un po’ di tempo, qualche giorno… Non ti pare?”. “Io – rispose la morte – ti posso dare al massimo una settimana. Fra otto giorni vengo e ce ne dobbiamo andare…”. E, così dicendo, andò via.

Ora mastro Francesco andava pensando come doveva fare per non andarsene. E, a forza di pensare, trovò la soluzione.

Nella bottega aveva una sedia mezza sgangherata, prese la pece di cui si serviva per le scarpe e ne cosparse tutto il fondo: lo fece molle molle e aspettò.

Giunse il tempo stabilito e si presentò un’altra volta la morte, ma, prima che questa dicesse qualche cosa, la prevenne: “Accomodatevi, io sono quasi pronto… Il tempo di indossare qualcosa di più decente e ce ne andiamo. Intanto, sedetevi un po’, così vi riposate”. E la morte, nulla sapendo di ciò che l’attendeva, si sedette sulla sedia con la pece.

Intanto mastro Francesco continuava a lavorare e la morte, volendosi alzare per dire qualcosa, s’accorse che stava tutta appiccicata. “Ah, Madonna mia, che è successo?… Di’ un po’, mastro France’, che mi hai combinato?..”. “Eh.., – rispose mastro Francesco – tu credevi da trattarmi da ingenuo e di trascinarmi via… Eh, no!…. Ora, se vuoi essere spiccicata, mi devi dare cinque anni di proroga.. Che ne dici?”. “Ma io non posso farlo…” disse la morte. “Puoi, puoi…”, rispose maestro Francesco. “E va bene!… Però, fra cinque, ti devi far trovare pronto sotto l’arco della pota..”. Mastro Francesco lo pulì ben bene e così se ne andò.

Il tempo passava e mastro Francesco si preoccupava. “Come devo fare?”, pensava.

Così gli venne un’altra idea. State a sentire.

Daventi alla bottega c’era un albero di fico. Che pensò di fare? A uno dei due rami dell’albero applicò tanta pece. Però, vide che il nero si vedeva e così, per non farlo vedere, ci mise sopra un po’ di farina e così diventò grigia come l’albero.

Arrivato il giorno stabilito, mastro Francesco si fece tutto pronto, con un bel vestito nero, la bottega pulita… e pareva proprio pronto per partire.

Puntualmente la morte si presento e, prima che potesse dire qualche cosa, mastro Francesco si alzò dalla sedia e, dando l’impressione che voleva andarsene, disse alla morte: “Mi dispiace proprio di questi bei fichi.. Me ne devo proprio mangiare un po’. Anzi, visto che è lungo il viaggio che dobbiamo fare, mangiane un po’ anche tu…”. E s’arrampicò su un ramo pulito e si mise a mangiare.

La morte prima guardò, ma poi venne anche a lei il desiderio e s’arrampicò anch’essa sull’albero, però sul ramo con la pece e la farina. Cominciò a mangiare, ma si accorse che stava appiccicata un’altra volta. “Mastro France’, che mi hai fatto?… Come devo fare? Tu mi vuoi far diventare matta… Ora che cosa dire lassù? Che scusa devo trovare?”., gli diceva la morte. E mastro Francesco le rispose: “Ma tu credevi che veramente me ne sarei venuto con te?!…Ho ancora da fare su questa terra. Vuol dire che ci vedremo fra altri cinque anni e ti prometto che questa volta sarò puntuale..”. E, così dicendo, dopo che mastro Francesco l’aveva pulita un’altra volta, se ne andò.

I cinque anni passarono e mastro Francesco, che era diventato proprio vecchio, si decise a non dare più fastidio alla morte. E, così, quando la morte si presentò un’altra volta, si fece trovare pronto. Chiuse la vetrina con la chiave e, piano piano, sotto braccio alla morte, si avviò a dar conto al Signore.

Questo fatto, più che raccontare qualche cosa che sia veramente successa, vuole confermare il proverbio che dice: “Scappa quanto vuoi che qua ti aspetto”.

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

[Biografia di Ascanio Iliceto e giochi precedenti]

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

Ascanio Iliceto nella sua rubrica "M’ARRECORDE" ha raccolto detti, proverbi, racconti, giochi di una volta e poesie (proprie o di Enrico Venditti) in lucerino [biografia]

Lascia un commento