M’Arrecorde – I Cunde : ” ZUCULILLE “


Ascanio IlicetoQuesta nuova sezione della rubrica “M’ARRECORDE” riguarda le favole, le leggende, le piccole novelle e le storielle che una volta venivano tramandate per via orale e che in dialetto lucerino sono chiamate i “CUNDE”. Questi racconti ci riportano ad una civiltà rurale e a una famiglia patriarcale, ad un’epoca che non esiste più. Quando noi eravamo bambini e prima di noi le altre generazioni, nelle sere d’inverno, i nostri nonni o i nostri genitori ci facevano sedere intorno al braciere (u vrascìre) o al camino (u fucarile) e ci narravano queste novelle spesso piene di valori umani e principi morali. Spero che questi racconti facciano avvicinare i più giovani e i meno giovani ad un’epoca che ormai non esiste più ma piena di significati e al dialetto della nostra cara e amata terra natale: LUCERA.

I CUNDE
‘ ZUCULILLE ‘

zuculill Stéve ‘na vóte ‘na mamme e na figghje ca se chiamave Tresenèlle.

A figghje, nu jurne, i venìje nu vulìje de pizze fritte. Ma a mamme ng’i putéve fà pecché nen tenéve a frezzóle pe ffrije.

Allore ‘a figghje: “Cum’amma fà?” – deceje – “Pót’èsse ch’a téne Zuculille, mò’ vache e mm’a fazze mbrestà”.

Zuculille i dije ‘a frezzóle e i decije: “Pò’ me ne purte dóje pur’a mmè?”. Tresenelle respunneje: “Va bbu’, va bbu’, t’i pòrte”.

Turnaje a case suje, esse e a mamme facijene i pizze fritte, s’i magnàrene ma sse scurdàrene de stepà dóje pe Zzuculille.

Pe nen purtà a frezzóla vacande a Zzuculille, ce mettìrene dinde na fetendarìje e, a sére, a scurde, ci’à purtàje.

Quanne Zuculille ccumenzàj’a mmagnà, vedìje ca ne nn’ére pezze fritte e sse mbrestecalìje.

Èsse m’à ffatte stu fatte a mmè – decìje – e ije mò’ me vach’a mmagnà a èsse”.

S’abbijaje e jjìj’a case de Tresenélle. Arrevate sòtt’a case, se mettìj’a llucculà:

Tresenélla, Tresené, sònghe arrevat’a ‘a casarèlle”

E qquèlle lucculave:

Mamma mije, mamma mije!”.

E Zuculille accumenzaje a nghianà.

Tresénella, Tresené, songhe arrevat’a prima scalèlle”.

E Tresenèlle lucculave angóre de cchjù:

Mamma mije, mamma mije!”.

A mamme de Tresenèlle, però, nn’a sendéve, pecché s’ère mbriacate.

Zucululle:

Tresénella, Tresené, sònghe arrevat’a secónda scalèlle”.

Tresenèlle:

Mamma mije, mamma mije!”.

E Zuculille:

Tresénella, Tresené, songhe arrevat’a ‘a tèrza scalèlle”.

E Tresenèlle:

Mamma mije, mamma mije!”.

E Zucululle:

Tresénella, Tresené, songhe arrevat’a purtecèlle”.

E Tresenèlle angóre de cchjù lucculave.

E Zuculille:

Tresénella, Tresené, sònghe arrevate sóp’o litte”.

E, tramènde ca decéve accussì, se menàje e i dje nu mùzzeche mbacce.

(Mò’, avìta sapè che cchjù u ndertìne éve lunghe e cchjù i scalèlle aumendavene).

ZOCOLILLO

C’era una volta una mamma e una figlia che si chiamava Teresina. Un giorno alla figlia venne il desiderio di frittelle. Ma quella non gliele poteva fare, perché non aveva la padella per le fritture. Allora la figlia: “Come dobbiamo fare? – disse – forse ce l’ha Zocolillo, ora vado e me la faccio prestare”.

Zocolillo le prestò la padella: “Poi me ne porti qualcuna pure a me?”, le disse quello. E Teresina rispose: “Va bene, sì, te le porto”.

Tornò a casa sua, fecero le frittelle, se le mangiarono e dimenticarono di mettere da parte qualcuna per Zocolillo. Per non restituire vuota la padella a Zocolillo, ci misero dentro una porcheria e, la sera, al buio, gliela riportò.

Quando Zocolillo cominciò a mangiare, vide che non era una frittella e si arrabbiò: “Lei mi ha fatto questo sgarbo, – disse – e ora io me la vado a mangiare”.

E s’incamminò dirigendosi a casa di Teresina. Arrivato sotto casa, si mise a gridare:

Teresina, Tersina, sono arrivato alla casetta”.

E quella:

Mamma mia, mamma mia”.

E Zocolillo:

Teresina, Tersina, sono arrivato al primo gradino”.

E Teresina gridava ancora di più:

Mamma mia, mamma mia”.

Ma la mamma di Teresina non la sentiva, perché si era ubriacata.

E Zocolillo:

Teresina, Tersina, sono arrivato al secondo gradino”.

E Teresina:

Mamma mia, mamma mia”.

E Zocolillo:

Teresina, Tersina, sono arrivato al terzo gradino”.

E Teresina:

Mamma mia, mamma mia”.

E Zocolillo:

Teresina, Tersina, sono arrivato alla porticina”.

E Teresina strillava ancora di più:

Mamma mia, mamma mia”.

E Zocolillo:

Teresina, Tersina, sono arrivato sopra il letto”.

E, mentre diceva così, le si gettò addosso e le diede un morso in faccia.

(Ora, dovete sapere che più il tempo di intrattenimento era lungo e più aumentavano gli scalini).

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

[Biografia di Ascanio Iliceto e giochi precedenti]

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

Ascanio Iliceto nella sua rubrica "M’ARRECORDE" ha raccolto detti, proverbi, racconti, giochi di una volta e poesie (proprie o di Enrico Venditti) in lucerino [biografia]

Lascia un commento