LUCÉRE, il nuovo inno a Lucera di Lino Montanaro ed Ettore Pannitti


Correva l’anno 1975, mese di giugno: veniva incisa presso gli studi della Phonogram Philips di Milano la canzone “‘Lucera è bell'” dedicata a Lucera da: “Gli amici di Ago” (testi e musica di Ninì Della Misericordia). Ben 43 anni dopo, Lino Montanaro (testo) ed Ettore Pannitti (musica) hanno il piacere di presentare “LUCÉRE” un inno alla città natale, rimasta sempre nel cuore. Hanno collaborato Emma Grasso (Foto) e Vincenzo Palazzo (montaggio video).

PRESENTAZIONE

Noi lucerini, anche quando la sorte ci ha portato a disperderci un po’ qua un po’ là nella penisola, se non anche nel mondo, non siamo affatto diversi da tutti coloro che allo stesso modo si son visti costretti a lasciare la propria terra per cercar fortuna altrove.
Soffriamo infatti dello stesso identico male, un male sottile e persistente, un male da cui non si guarisce mai: la nostalgia.
E per noi la nostalgia si chiama Lucera.
Ci mancano infatti le sue bellezze, la sua gente, le sue tradizioni, i suoi sapori, e perfino l’odore dell’aria di questa magnifica terra in cui siamo nati.
Quell’ideale cordone ombelicale che ci lega a Lucera sin dalla nascita non si è infatti mai spezzato,e Lucera resta così sempre nel nostro cuore, ovunque ci si trovi.
E sebbene l’amore per la nostra Lucera non nasconda certo ai nostri occhi tutte quelle cose, e purtroppo sono davvero tante, che vorremmo vedere cambiate una volta per tutte, tuttavia sappiamo trovare altrettante ragioni, anzi, anche qualcuna in più, per tener viva questa irrefrenabile voglia di tornare.

Lino Montanaro, Ettore Pannitti, Vincenzo Palazzo, Emma Grasso e con loro la Redazione tutta di Lucera.it , con questo video augurano a tutti i lucerini, vicini e lontani: “Buon Natale”.

TESTO

LUCÉRE

Lucére, tu pe mmè
si cúm’u prime amóre
e quánne íje pènze a ttè
assaje me dole u córe

Tánd’anne sò passáte
da quann sò partúte,
a umma-umme e citte
pègge de nu bbandíte.

A mámme agghje lassáte
propreje sòtt‘u pertóne
e sckitte a zite míje
veníje pe mmè a’ stazzjóne.

Chiagnenne de delóre
lassáve cas’ e amόre,
cúm’ a nu tradetόre
che nen po’ cchjù turnà.

Agghje teráte annánze
a forze de vuttáte
pò doppe, a’ chjána a’ cchjáne
tutte s’è sistemáte.

E rengrazijánne a Ddíje
m’è júte tutte bbùne,
e m’a sò meritáte
‘stu poche de fertúne.

Ma íje u sácce che pe me
tíne nu pustecílle
proprije cúme s’íje fosse
angóre ‘nu nennille.

Ógge sò penziunáte
e che me mánghe cchjù?
‘Stu cόre u sápe bbὐne
Lucéra míja ssì tu!!!!

Quella bbalíge nen ma recorde
ndò l’agghje mìsse,
ma ‘a veretà è che íje
a’ quillu júrne ce pènze spísse. .

Ma tutte pásse,
tutte se scorde,
tutte se lásse.

E cúme l’acqua
de ‘na fundáne,
ssciuuvuleje ‘a vite
ammizz’ e máne.

TRADUZIONE

LUCERA

Lucera tu per me
sei come il primo amore
e quando penso a te
troppo mi fa male il cuore.

Tanto tempo è passato
da quando sono partito,
di nascosto e in silenzio
come un bandito.

A mia madre ho lasciato
proprio sull’uscio di casa
e solo la mia fidanzata
mi ha accompagnato in stazione.

Piangendo di dolore
lasciavo casa e amore,
come un traditore
che non può più tornare.

Ho continuato a vivere
sempre spronato
ma poi poco alla volta
tutto si è aggiustato.

Ringraziando il Signore
mi è andato tutto bene
e me la sono proprio meritata
questa pò di fortuna.

Ma io lo so che per me
hai conservato un angolino
proprio come io fossi .
ancora un bambino.

Adesso sono pensionato
e cosa mi manca ancora?
Questo cuore lo sa benissimo
Lucera mia sei tu!!!

Quella valigia non ricordo
dove l’ho messa,
ma la verità è che io
a quel giorno ci penso sempre.

Ma tutto passa,
tutto si dimentica,
tutto si lascia.

E come l’acqua
di una fontana,
ti scivola la vita
tra le mani.

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

"Dialettando" è una rubrica di Lino Montanaro che ha raccolto prima nella sua memoria e poi in appunti, proverbi, modi di dire, espressioni tipiche lucerine, pillole di saggezza popolare, tramandate di generazione in generazione. [biografia]

Lascia un commento