Dal biasimo alla collaborazione: il FAI c’è per Lucera


A seguito dell’ennesimo atto vandalico ai danni del patrimonio storico-artistico della città di Lucera, che ha colpito questa volta il “torrino del castelloimbrattato con lo spray, è dura la presa di posizione dell’intera comunità.

Riceviamo e pubblichiamo comunicato Stampa del FAI Lucera.

fai luceraContinuo a rimanere letteralmente basito davanti a questi segnali, che non definirei di inciviltà ma veri atti di vandalismo, tra l’altro consapevole.

Lucera sa stringersi intorno ai suoi problemi e ha provato più volte a fare squadra, anche con il FAI, per riportare nuova attenzione e linfa sulla sua prestigiosa fortezza e non posso pensare che chi si rende protagonista di tali atti non lo faccia ben conscio del danno che sta arrecando non solo alla struttura, alla storia ma a tutti noi.

E’ tempo che si faccia qualcosa di serio per rendere gli atti vandalici nei confronti del bene pubblico e ancor di più del patrimonio storico-artistico un reato con la R maiuscola.

Nutro una pena profonda per chi, in questo momento, cammina magari soddisfatto della sua bravata dopo aver deturpato una parte persino di se stesso, sono persone che prima o poi incorrono in seri problemi personali, non avendo cura di se stessi come di tutto quello che li circonda.

Come Delegazione Provinciale di Foggia, innamorati della nostra Lucera e dei suoi beni siamo pronti a condividere le operazioni che l’amministrazione vorrà intraprendere per una maggior sicurezza nelle zone di grande rilevanza come la Fortezza e per l’eventuale ripristino di queste pareti, per fortuna non irrimediabilmente compromesse e comunque deturpate; invito il Primo Cittadino a cogliere questo momento di negatività e trasformarlo in motivo di incontro tra le parti sociali interessate alla salvaguardia del patrimonio culturale, così da intraprendere finalmente una strategia comune ed efficace allo scopo.

Nico Palatella
Capo Delegazione FAI Foggia

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore
redazione

Redazione Lucera.it

Lascia un commento